Ultimo aggiornamento: 04.12.21

 

Nonostante il suo aspetto muscoloso e intimidatorio, il Bulldog Americano è un cane socievole e affettuoso, anche con i bambini. Vediamo quali sono le caratteristiche principali di questa straordinaria razza canina e come prendersene cura.

 

Il Bulldog Americano è un cane di taglia media che dà l’impressione di grande potenza e aggressività. Ma, si sa, l’apparenza spesso inganna e anche un animale dall’aspetto minaccioso e aggressivo come l’American Bulldog può rivelarsi estremamente dolce e affettuoso verso la sua famiglia.

Famoso per gli atti di eroismo e dedizione nei confronti del padrone, si contraddistingue per il temperamento vivace, fedele e determinato, dimostrando un grandissimo amore per i bambini e gli anziani con i quali riesce a instaurare fin da subito un legame speciale e indissolubile.

Pur non essendo l’atleta più prestante della popolazione canina, gode di una popolarità in crescente espansione anche come cane da utilità. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere su questa affascinante razza di origini americane.

 

Cane bulldog: origini e tipologie

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il Bulldog Americano è una razza pura molto antica le cui origini vanno ricercate nel leggendario Mastino del Tibet, ritenuto da molti il progenitore di tutti gli odierni molossoidi.

Si trattava di cani dalle dimensioni enormi capaci di battersi contro ogni tipo di avversario, tanto è vero che anche Marco Polo li citò nella sua opera “Il Milione” con la frase: “feroce come un leone e grosso come un asino”.

In virtù della loro ferocia e della particolare possanza fisica, questi cani americani vennero utilizzati in combattimenti tra altri animali e, si dice, anche contro gli uomini.

Una volta cessato il suo impiego come cane da combattimento, questa straordinaria razza canina corse il rischio di estinguersi e, anche se inizialmente si cercò di farne un cane da guardia, l’impresa non ebbe successo poiché i soggetti dei tempi mostravano un’indole troppo feroce e aggressiva, per cui anche questo utilizzo venne vietato per legge.

Successivamente qualche esemplare rimase nelle mani di organizzatori di lotte clandestine e gente di malaffare, venendo così bollato come cane da delinquenti. Fortunatamente un gruppo di amatori e appassionati della razza si impegnò ad allevare i Bulldog Americani senza scopi di lucro, riuscendo così a salvare un cane nel quale si concentravano e si concentrano ancora oggi una serie irripetibile di caratteristiche.

Nello specifico, la razza del Bulldog Americano venne selezionata dai due allevatori statunitensi Allen Scott e John D. Johnson, da cui derivano i nomi di due delle quattro varianti attualmente esistenti: il Johnson American Bulldog, molto simile nell’aspetto a un Boxer Americano, e l’American Bulldog Scott che ricorda nelle sembianze un Pitbull e usato oggi come cane di utilità.

Il primo tentativo di selezione risale all’arrivo da oltreoceano degli English Bulldog, giunti in America al seguito dei coloni britannici. A differenza del Bulldog Inglese, che in patria venne incrociato con il Carlino per farne un cane da compagnia, lo standard dell’American Bulldog è stato preservato nel tempo per salvaguardare le caratteristiche fisiche e caratteriali uniche di questa splendida razza canina.

 

Caratteristiche Bulldog Americano

Sebbene il fisico tozzo e muscoloso sia una delle caratteristiche peculiari del Bulldog Americano, in realtà il suo aspetto compatto e minaccioso nasconde un’indole particolarmente affettuosa e mansueta.

La testa corta e massiccia è abbastanza grande in rapporto alla taglia, mentre le orecchie sono piuttosto piccole e ben separate, donando un volume in perfetta armonia con il cranio squadrato. La coda corta attaccata ad altezza media è perlopiù dritta nella parte iniziale, per poi inclinarsi verso il basso in punta.

Il pelo liscio e corto può essere uniformemente bianco oppure pezzato con rosso e marrone chiaro, mentre il nero focato non rientra tra gli standard di razza.

Di questa specie canina ne esistono quattro tipologie: lo Scott American Bulldog, il Margentina (o Bulldog Painter), il Bulldog Americano Johnson (conosciuto anche con il nome di Bully) e una razza ibrida – detta Hybrid – nata dall’incrocio tra i due tipi selezionati da Johnson e Scott.

 

Bulldog Americano: carattere e cura

Per quanto riguarda il carattere del Bulldog, bisogna innanzitutto osservare come in questi possenti esemplari si ritrovino ancora oggi tutte le caratteristiche che resero leggendaria la razza.

Gli aspetti tipici del suo temperamento sono il coraggio senza limiti che lo spinge ad accettare la sfida anche di avversari più grandi e forti di lui, la forza smisurata racchiusa nel suo corpo muscoloso e la straordinaria resistenza al dolore che gli permette di affrontare senza battere ciglio anche i traumi più dolorosi.

A questi aspetti ancestrali si uniscono altre affascinanti caratteristiche che ne fanno un fedele compagno di vita, come l’amore per i bambini, che in Inghilterra – il suo Paese d’origine – gli è valso il soprannome di “nursery dog” (cane bambinaia), e l’affetto che dimostra nei confronti dei più deboli, come gli anziani e i piccoli animali domestici.

Anche verso gli ospiti di casa e gli amici della famiglia mostra simpatia e vivacità, ma quando chiamato a difendere i suoi padroni non esita a sfoderare tutto il coraggio e la determinazione che da sempre lo contraddistinguono.

Un’altra caratteristica molto apprezzata di questo cane americano è che occupa pochissimo spazio e, grazie alla sua pigrizia innata, si accontenta anche di brevi passeggiate, senza richiede particolare impegno da parte del padrone in merito alle attività fisiche.

Si tratta, quindi, di un cane particolarmente adatto a vivere in appartamento, dove non recherà alcun disturbo nemmeno se lo spazio a lui riservato è molto limitato, ma occorrerà comunque fargli fare almeno due passeggiate al giorno e intrattenerlo con qualche sessione di gioco durante il giorno per evitare problemi di sovrappeso e prevenire diverse patologie respiratorie e cardiovascolari.

Anche la cura del pelo è poco impegnativa, visto che sarà sufficiente spazzolarlo di tanto in tanto per mantenerlo sano e pulito, mentre l’uso di un buon tagliaunghie per cani è particolarmente consigliato se il cane è abituato a vivere in casa.

American Bulldog: prezzo

Se volete portare a casa un cucciolo di Bulldog vi consigliamo vivamente di affidarvi a un allevamento riconosciuto dall’ENCI, dove ogni Bulldog Americano cucciolo viene fornito di pedigree e test per le patologie genetiche più comuni della razza.Il costo dei cuccioli di Bulldog di alta genealogia oscilla in genere tra 700 e 1.500 euro, per cui se qualche annuncio sulle piattaforme online li propone a un prezzo inspiegabilmente più basso, meglio farsi qualche domanda in più per evitare di incappare in una truffa o di acquistare un esemplare non originale.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI