Ultimo aggiornamento: 21.08.19

 

L’esigenza di creare uno spazio ampio e confortevole per i propri animali domestici diventa sempre maggiore, per questo oggi analizziamo alcuni box da interno e da esterno.

 

La presenza di un cane all’interno di un giardino molto ampio può essere un problema. Molte volte infatti i padroni sentono l’esigenza di confinare lo spazio adibito al proprio animale domestico, in modo da limitare eventuali danni alle piante o eventualmente all’orto. 

Il motivo però non può essere solo questo, perché è altrettanto importante che l’animale si muova in tutta libertà: un comune box per cani da esterno non sempre è in grado di garantire che ciò avvenga. 

La struttura di cui andremo a parlare inoltre deve poter contenere anche una cuccia e il posto per poter mangiare e bere in pulizia e sicurezza.  Per questo il mercato propone numerose varianti, diverse per prezzo, materiali e modalità di costruzione.

Vedremo insieme quali sono le caratteristiche da tenere presenti per capire quale struttura sia la migliore per voi e per il vostro animale. È importante infatti analizzare con cura diversi aspetti in merito alla detenzione del vostro cane, che deve, per legge, avere uno spazio tutto suo, grande e sufficienza e sicuro da infezioni e agenti atmosferici.

 

Recinti esterni

La prima possibilità, qualora abbiate a disposizione un giardino sufficientemente ampio, è quella di costruire un vero e proprio recinto. Potete decidere se affidarvi a un esperto o se valutare la fattibilità di costruirlo in autonomia: in entrambi i casi, la prima cosa da fare è effettuare delle valutazioni precise riguardo alle dimensioni, perché la legislazione in questo senso è molto rigida e prevede delle specifiche che non vanno assolutamente trascurate.

Con l’aiuto di un esperto tutte queste valutazioni, la scelta del materiale e tutti gli altri fattori come miglior posizionamento ed esposizione al sole, saranno molto più semplici, perché si tratterà semplicemente di confrontarsi con l’esperienza e la praticità di chi svolge questo mestiere da tempo.

Se invece siete già soliti occuparvi di questioni pratiche come questa, potete tentare l’approccio casalingo: vi serviranno comunque delle attrezzature specifiche e gli strumenti adatti.

 

 

Tipologie

Una prima proposta è quella dei pali con rete: si tratta di veri e propri pali in cemento o in metallo che dovranno essere inseriti nel terreno a una profondità di almeno 50 cm. La rete verrà poi fissata su di loro e dovrà necessariamente essere interrata, in modo che il vostro cane non possa fuoriuscire dalla struttura, semplicemente scavando una buca sufficientemente profonda. 

Per la sua sicurezza inoltre, dovrete anche valutarne l’altezza, che deve essere di minimo un metro e mezzo, per evitare che salti. Per quanto riguarda il materiale della rete stessa, potrete scegliere tra la plastica, il metallo o i fogli di rete elettrosaldata: molto dipende dall’attitudine del vostro cane. Può accadere infatti che la rete in plastica venga facilmente masticata, a dispetto delle altre due tipologie.

L’altra opzione consiste nell’installazione di pannelli modulari, che non richiedono alcuna posa, ma che vanno invece fissati al terreno con ganci o tasselli. Con questa modalità avrete massima libertà di scegliere la forma e la dimensione del recinto stesso, anche in termini di posizionamento e di esposizione al sole.

Un’ultima opzione, che risulta però molto più limitante, è quella in legno: il cane in questo modo tenderà a sentirsi molto isolato, perché non potrà in nessun modo osservare l’ambiente esterno.

 

Recinti interni

Se invece non possedete un giardino vero e proprio, ma volete comunque delimitare gli spazi adibiti al vostro amico a quattro zampe, potete valutare la possibilità di installare un recinto interno. Si adattano generalmente ai cani di piccola taglia e sono realizzati in tela, con supporto in metallo rigido o flessibile. 

In questo modo potrete facilmente smontarli e rimontarli, oltre al fatto che il prezzo totale è assolutamente accessibile. Essendo facilmente trasportabili, sono ideali in caso di cene fuori o permanenze in ambienti nuovi, perché il vostro cane potrà osservare curioso l’ambiente, senza allontanarsi dal vostro controllo.

 

Prezzi

Il costo di un’installazione di questo tipo varia in base alla dimensione e al materiale che ritenete migliore per il vostro amico peloso: vediamo alcuni esempi.

Una superficie di 8 mq da recintare con una rete metallica di altezza pari a 2 m costerà circa 240 euro: questo valora cambia ulteriormente se optate per una struttura anti intrusione.

Se ritenete il legno la soluzione migliore, il costo medio è circa di 50 euro al metro, che va a scendere se optate invece per il PVC effetto legno, un materiale plastico ma in grado di offrire le stesse garanzie e la stessa qualità del legno vero.

Per quanto riguarda invece le soluzioni non definitive, come il recinti rimovibili, andrete a spendere una cifra di circa 75 euro, per una superficie totale di 3 mq. La soluzione più duratura possibile è quella in muratura, che costa circa 400 euro per 2,8 mq e una copertura realizzata con delle tegole. 

Potete poi decidere di rivestirla con materiali termoisolanti, di rendere il pavimento drenante e di variare i materiali a seconda che vogliate proteggerlo da eccessivi sbalzi termici.

 

 

Legislazione

Per quanto riguarda le regole specifiche in merito all’ampiezza del vostro recinto per cani, dovrete far riferimento alle norme regionali. Nonostante questo ci sono delle linee guida i cui principi di base sono comuni in tutta l’Italia.

In primo luogo è vietato l’uso della catena: in caso di estrema necessità, che andrebbe comunque certificata e dimostrata, questa deve poter consentire il libero movimento ed essere munita di due moschettoni girevoli ad anello.

È obbligatorio inoltre pensare a un riparo dal sole e dalla pioggia e rendere l’ambiente quanto più igienico possibile. Lo spazio deve essere di minimo 8 mq per ogni cane che possedete e devono essere aperti verso l’esterno.

Valutate quindi con attenzione le caratteristiche dell’ambiente in cui volete installare una struttura di questo tipo, le abitudini del vostro cane e leggete con attenzione la legislazione regionale in merito alla detenzione degli animali domestici, in modo da essere sicuri di non danneggiare in alcun modo il vostro amico peloso e di non incorrere in spiacevoli sanzioni.