Ultimo aggiornamento: 19.10.19

 

Vediamo insieme quali sono le regole da seguire per trasportare il proprio amico a quattro zampe in auto, in tutta sicurezza per lui e per voi.

 

Sarà capitato, a chiunque possegga un cane, di dover valutare in che modo poterlo portare in macchina senza che ciò costituisca un pericolo per la propria sicurezza o per la sua. Lasciare che il vostro amico a quattro zampe vaghi per l’automobile in tutta libertà infatti, può diventare un problema in caso di improvvise frenate, curve strette o qualsiasi altra occorrenza che può avvenire in strada. 

La legislazione è chiara da questo punto di vista e obbliga all’utilizzo di un dispositivo di sicurezza che sia ben stabile e ampio a sufficienza perché il vostro animale stia comodo. Vediamo insieme quali sono le alternative proposte dal ministero, in modo che possiate valutarne le caratteristiche e scegliere quella che più pensate possa fare al caso vostro.

 

Il trasportino

Un primo metodo che potete adottare è quello di acquistare un trasportino. Si tratta di un box per cani, cioè di un contenitore richiudibile e dotato delle prese d’aria necessarie affinché il vostro cane possa passarci del tempo in tutta comodità. 

Il mercato propone diverse misure e varianti, ma ciò che distingue un box cani valido da un altro è sicuramente il fatto che sia o meno apprezzato dal vostro amico a quattro zampe. Gli esperti consigliano infatti di abituarlo a questa nuova sistemazione in maniera graduale.

Può convenire infatti collocare questo oggetto in casa, in un primo momento, in modo che l’animale possa prendere confidenza con la sua struttura e la sua dimensione. Provate quindi a proporla come una nuova cuccia e tentate inizialmente un approccio in piccoli viaggi, in modo da valutare quale siano le sue reazioni. 

Può accadere infatti che l’effetto di una lunga tratta al chiuso e in un nuovo ambiente possa risultare spiacevole per il vostro fido, rendendo di fatto complesso anche il viaggio ai passeggeri e al guidatore. Acquistate quindi un box per cani buono ed economico e che pensate possa fare maggiormente al caso vostro anche in termini di dimensioni.

 

 

La rete divisoria

Se il vostro animale non ama gli spazi troppo angusti, o se non volete investire su un oggetto di questo tipo, potete valutare anche l’installazione di una rete o una gabbia divisoria. Si tratta di una vera e propria barriera, da creare tra il bagagliaio e la parte posteriore della macchina, la cui applicazione richiede l’approvazione da parte di enti qualificati, poiché permanente. 

Si tratta infatti di un’opzione valida per coloro che fanno uso della macchina molto spesso e che non necessitano dello spazio del bagagliaio nella vita quotidiana. È la soluzione migliore per i cani di grande taglia, che richiedono certamente un posto maggiore rispetto agli altri.

Possono comunque apprezzare un po’ di volume in più, purché non siano destabilizzati dal fatto di non vedere la strada o di essere molto lontani dal conducente e dunque spesso dal padrone.

 

La cintura di sicurezza

Parliamo adesso di una soluzione che non viene quasi mai considerata, perché ritenuta insolita o poco sicura. Il cane infatti potrà stare comodamente “seduto” nel sedile del passeggero, a patto che sia bloccato dalla cintura di sicurezza e che questa non lo renda particolarmente agitato.

In questo senso può convenire testare precedentemente la tenuta della cintura stessa sull’animale e il fatto che questo sia o meno a suo agio con tale costrizione.

 

Accessori

Le modalità di trasporto del cane in auto sono quindi varie e sta a voi decidere la migliore in base alle caratteristiche sue e della vostra auto. In aiuto a questa scelta inoltre, ci sono numerosi accessori che potrete sfruttare per rendere ogni trasporto quanto più piacevole e agevole possibile.

Se infatti avete optato per le sbarre divisorie, potreste aver bisogno di qualcosa che copra la superficie interna del bagagliaio, in modo che non venga danneggiata o sporcata dal vostro cane. 

Il mercato propone in questo senso numerose varianti, diverse per forma e materiale, che si adattano alla perfezione alla conformazione di numerose auto e che risultano particolarmente confortevoli per i nostri amici a quattro zampe. Sono generalmente dotate di ganci e fermi, pensati affinché il telo stesso rimanga stabile nonostante i movimenti dell’animale e della macchina in sè.

Se invece avete optato per le cinture di sicurezza, ma ritenete che non siano sufficienti a mantenere abbastanza stabile il vostro cane, in commercio ci sono delle prolunghe, sagomate proprio in base alla forma e alla fisionomia dell’animale, da attaccare a quelle di base. In questo modo lo avrete più vicino e non dovrete acquistare nessun oggetto ingombrante o eccessivamente costoso.

 

Consigli

Viaggiare con i vostri amici pelosi deve essere innanzitutto un piacere, per questo è importante seguire anche quelli che sono i ritmi e le abitudini del vostro cane. Procuratevi dell’acqua, in modo che possiate mantenerlo idratato e fresco durante tutto il viaggio ma evitate di somministrare cibo che potrebbe essere motivo di malessere, proprio come per noi. 

Effettuate soste ogni due ore, in modo che possa sgranchirsi le zampe e sostenere un viaggio lungo senza essere stremato o traumatizzato. Evitate di lasciarlo solo in macchina, soprattutto in estate o nelle ore più calde della giornata: oltre a essere molto pericoloso infatti, potrebbe renderlo agitato e quindi non pronto per proseguire la tratta.

È assolutamente vietato tenerlo in braccio, anche se dovesse piangere o lamentarsi: l’eccitazione o l’eventuale agitazione in caso di movimenti bruschi potrebbero essere motivo di distrazione per il conducente, creando occasioni di pericolo per lui e per tutti i passeggeri.

 

 

Sanzioni

Trasgredire alla legge, che richiede un mezzo di trasporto sicuro per il vostro animale, non è solo un gran rischio per la vostra sicurezza, ma anche un possibile costo in termini di sanzioni e multe. A seconda della gravità della mancanza infatti, si può incorrere in pagamenti dalle poche decine alle centinaia di euro, oltre che alla rimozione dei punti dalla patente.