Ultimo aggiornamento: 27.01.23

 

Il certosino, una razza molto antica che ancora oggi ci tiene compagnia. Scopriamo insieme quali sono le sue caratteristiche, le sue abitudini e come allevarlo.

 

Tra i gatti da appartamento, una delle razze pregiate più note è sicuramente il certosino. Felino inconfondibile, che si presenta con un pelo lucente di colore grigio, in genere corto e morbido come la seta. Ma che origini ha questo straordinario felino e da dove viene?

 

Un po’ di storia del gatto certosino

Il certosino è una delle razze più nobili e antiche delle specie di felini domestici. Tale razza affonda le sue radici in Francia, in un’epoca che risale a oltre mille anni fa. In pratica questo adorabile micio, è frutto di un’accurata cernita di alcuni gatti molto pregiati, importati dall’oriente in occidente a opera dell’ordine dei cavalieri templari.
Si narra che quando i crociati fecero ritorno in territorio cristiano dalla Palestina e dalla Turchia, trovarono accoglienza e ristoro in varie certose. Per contraccambiare la gentile ospitalità dei monaci, i templari donarono loro due gatti orientali, caratterizzati da un pregiato manto di colore grigio/blu.

Questi felini, da subito si dimostrarono essere degli abili cacciatori di topi e i monaci, notando tanta bellezza e agilità, cominciarono ad allevarli con amore; da qui nacque il nome di “gatto certosino”. Sfortunatamente, nei secoli successivi, questa razza fu allevata dalle famiglie nobili francesi per utilizzare la pelliccia pregiata del felino e per mangiarne la carne.
Con l’arrivo della rivoluzione francese e il rovesciamento del potere monarchico, per fortuna questa cattiva usanza scomparve e di conseguenza anche l’allevamento dei gatti certosini. Solo negli anni ’30 questi felini cominciarono a essere allevati nuovamente.
Tuttavia durante il secondo conflitto mondiale, la razza rischiò di estinguersi ma riuscì a sopravvivere grazie all’accoppiamento con altri gatti a pelo grigio/blu. Insomma parliamo di un felino antico e pregiato, dalla storia abbastanza travagliata, che è riuscito a sopravvivere ai secoli e che ancora oggi accompagna l’uomo, con il quale ha stretto una forte amicizia.

 

Caratteristiche e carattere del felino

Innanzitutto è bene sapere che si tratta di un gatto dalla corporatura robusta e dai muscoli ben sviluppati. In genere il maschio della razza è molto massiccio e può arrivare a pesare anche 9 kg, mentre la femmina ha una corporatura più snella, simile a quella di un gatto europeo e il suo peso può variare dai 3 ai 6 kg.
Come già anticipato in precedenza, il manto di questo felino è grigio, con tonalità che tendono al blu. Il manto è folto, corto, liscio e soffice, tuttavia è possibile trovare anche un certosino a pelo lungo, sempre con le stesse tonalità cromatiche. Gli occhi sono di colore giallo, chiaro o scuro a seconda dell’esemplare e le orecchie sono dritte e ben sviluppate.

Il carattere del certosino è forte e ciò lo rende un felino indipendente, tuttavia è capace di costruire forti legami affettivi con coloro che gli stanno vicino. È un animale leale, affettuoso e non patisce la solitudine.
È poco territoriale, si lega più alle persone che ai luoghi, pertanto non soffre gli spostamenti e si relaziona molto bene con gli altri animali. In pratica se avete già un gatto in casa, il certosino non faticherà a fare amicizia con questo.
È un felino molto estroverso, ama giocare ed essere coccolato ma come tutti i gatti non ama essere strapazzato o essere preso in braccio in maniera forzata.

 

Cure e tipo di alimentazione

La vita media di un certosino è di circa 15 anni, tuttavia il felino può arrivare a vivere anche fino a 20 anni. Non si tratta di una razza che ha bisogno di particolari cure, anche se è consigliabile spazzolare il manto almeno una volta a settimana.
Ogni due mesi è bene pulire gli occhi e le orecchie passandovi sopra con un panno inumidito. Per ciò che concerne il tipo di alimentazione non c’è molto da dire, in quanto trattandosi di un carnivoro, la dieta è simile a quella degli altri felini. A ogni modo vi suggeriamo di evitare pasti che contengono cereali.
Come molti animali domestici della sua specie, anche il certosino ogni tanto deve essere stimolato a bere, perciò una fontanella automatica per gatti potrebbe essere un valido aiuto.

Costi e mantenimento

Se volete avere un gatto e nello specifico desiderate adottare un certosino cucciolo, rivolgetevi sempre a un allevamento qualificato o a persone affidabili. Fortunatamente, trattandosi di una razza molto apprezzata in Italia, non sarà difficile trovare degli allevatori nel nostro paese.
Evitate di rivolgervi ad allevatori improvvisati o a chi importa questi felini da luoghi sconosciuti. A meno che qualcuno non ve ne regali uno, dovrete essere disposti a mettere mano al portafoglio, in quanto si tratta di una razza pregiata e costosa.
Il prezzo di un gatto certosino può variare dai 750 agli 840 euro, a seconda del tipo di venditore (allevatore, negozio, privato). Per quanto riguarda i costi di mantenimento di un certosino, questi non si discostano molto da quelli di un gattino europeo.
A meno che non vogliate comprargli una carrozzina per neonato, le esigenze di questo felino sono come quelle di tutti gli altri, pertanto le spese di mantenimento rientrano nella media. Generalmente il certosino gode di una buona salute per tutto il suo ciclo vitale, a patto che l’animale venga trattato bene e controllato periodicamente.

 

Un ottimo animale da compagnia

Se desiderate avere un gatto in appartamento, il certosino potrebbe essere un animale da compagnia ideale. Oltre a essere un felino molto affettuoso, ha un carattere calmo e docile e sa instaurare un ottimo rapporto con la sua controparte umana. Questo pregio caratteriale lo rende simile a un cane e adatto a una convivenza domestica.

Pur essendo un gatto che tollera la solitudine, è consigliabile non lasciarlo da solo per troppo tempo, in quanto a lungo andare potrebbe soffrire la mancanza del suo amico bipede. È un felino silenzioso, che miagola di rado e che si lamenta poco, tuttavia sa far sentire bene la sua presenza, ricambiando con fusa e sguardi affettuosi.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI