Ultimo aggiornamento: 01.12.20

 

Pompe per acquario – Opinioni, Analisi e Guida all’Acquisto

 

La pompa è uno degli elementi fondamentali per fare in modo che il proprio acquario funzioni nella maniera corretta. Ma quale scegliere per il proprio? Una da interno o una da esterno? Ci sono diversi modelli con caratteristiche comuni, ma ciò che deve distinguersi sono la portata e la prevalenza. Abbiamo raccolto qui alcuni esempi molto validi presenti sul web: se non avete tempo di dar loro un’occhiata, ecco qui una piccola anteprima. Tetra APS 100 Pompa per Acquari è un modello dal buon rapporto qualità/prezzo e da una potenza che assicura un flusso d’aria costante all’interno dell’acquario. Ci ha convinto anche Decdeal 600L/H 8W Pompa ad Acqua Sommergibile per Acquario, dotata di ventose, che consentono di collocarla in maniera stabile in senso orizzontale e verticale.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 migliori pompe per acquario – Classifica 2020

 

Se l’indecisione su quale pompa per acquario comprare è tanta, date un’occhiata alla selezione che abbiamo pensato per voi e fate una comparazione di caratteristiche e offerte, per capire il modello da preferire tra quelli venduti online.

 

 

1. Tetra APS 100 Pompa per Acquari

 

Tra i modelli più venduti del web spicca quello di Tetra APS, la migliore pompa per acquario per chi è alla ricerca di un buon rapporto qualità/prezzo. Disponibile in varie versioni, questa in particolare si presta bene ad alimentare acquari dai 50 ai 100 litri.

Deve essere posto al di sopra dell’acquario, quindi fuori dall’acqua, e su una superficie piana, se si vuole che la rumorosità sia ridotta al minimo e che le vibrazioni vengano limitate; in caso contrario, come è accaduto per alcuni utenti, non avrete un modello che vi garantisca silenzio e tranquillità.

La membrana di cui si compone è molto efficace, per cui il flusso d’aria è costante e non si fanno correre rischi ai pesci. Ha anche una forma attraente ed è di un bel colore grigio, che si intona con ogni tipo di acquario.

Se non sapete dove acquistare questo modello, cliccate sul link in basso.

 

Pro

Potente: Questa pompa per acquario è dotata di una membrana che garantisce un flusso d’aria costante all’interno dell’ambiente.

Capienze: Ce ne sono varie versioni, per cui potrete optare per una che vada bene in acquari da 10 L ma anche per quelli da 600 L.

Rapporto qualità/prezzo: Il costo è molto conveniente in rapporto alla qualità di materiali e anche a una certa estetica che non guasta.

 

Contro

Rumorosità: Per fare in modo che non produca troppe vibrazioni, è necessario porla al di sopra dell’acquario e su una superficie piana. In caso contrario non sarà silenziosa e creerà molto fastidio.

Acquista su Amazon.it (€19,02)

 

 

 

2. Decdeal 600L/H 8W Pompa ad Acqua Sommergibile per Acquario

 

Tra i prodotti più economici, quindi anche tra le migliori pompe per acquario del 2020, per chi dà sempre importanza al risparmio, c’è quella di Decdeal che ha una portata di ben 600 L, un valore che piace proprio in rapporto al prezzo di vendita.

Tramite una manopola è possibile regolare proprio questo elemento, mentre sono disponibili due ugelli, uno da 0,3 3 uno da 0,5, che permettono all’acqua di uscire con un flusso differente a seconda dell’effetto che si vuole ottenere.

Il motore da 8W, resistente nel tempo, non è per tutti così tanto silenzioso come promesso dalla ditta, perché le vibrazioni risultano, in alcuni casi, troppo forti. Grazie alle quattro ventose poste sul fondo, è possibile collocarla in orizzontale o in verticale, senza correre il pericolo che si stacchi.

La lunghezza del cavo di alimentazione, infine, è di circa 200 cm, per cui potrete usarlo anche se avete una presa non molto vicina all’acquario.

 

Pro

Economica: Il costo di questa pompa è basso in rapporto alla sua portata, che può raggiungere anche i 600 L.

Ugelli: Ce ne sono due, che consentono di ottenere un flusso d’acqua differente, mentre la manopola permette di regolarne la portata.

Ventose: Quelle poste sul fondo fanno in modo di poter collocare la pompa in orizzontale o in verticale, senza il pericolo che si stacchi.

 

Contro

Rumorosa: Le vibrazioni prodotte, in alcuni casi, sono piuttosto forti, per cui non la si può definire a tutti gli effetti una pompa silenziosa.

Acquista su Amazon.it (€12,99)

 

 

 

3. Flintronic Mini Pompa Acqua per Terrari 200L/H

 

Tra i prodotti a prezzi bassi rientra anche la pompa per acquario di Flintronic, un modello di dimensioni ridotte, che ha una portata massima di 200 L. Fatta con materiali resistenti, ha un albero in ceramica e un motore in rame, mentre tramite la rotella incorporata è possibile stabilire l’esatta portata, in base all’acquario nel quale la si vuole collocare.

Si mette all’interno dell’acqua e si fissa grazie alle ventose molto forti, che gli impediscono di cadere. Dotata di una presa USB, ha un cavo lungo circa 150 cm, per cui permette di essere utilizzata anche se la fonte di energia non è molto vicina.

Utile anche per le fontanelle d’acqua di gatti e cani, ha il difetto di non essere molto potente, secondo i pareri di alcuni utenti, ma è valida in rapporto al suo prezzo. L’azienda raccomanda di pulirla spesso, per assicurarle una lunga vita e anche per fare in modo che resti silenziosa come all’acquisto.

 

Pro

Costo: Il prodotto è venduto a un prezzo conveniente, per cui si tratta di una piccola spesa che tutti possono affrontare.

Portata regolabile: Tramite la rotella è possibile stabilire la portata, fino a un massimo di 200 L.

Ventose: Sono in grado di fissare la pompa all’interno dell’acquario e fanno in modo che non si stacchi o cada.

 

Contro

Potenza: Non è la più potente in commercio, per cui potrebbe non essere la scelta giusta se avete bisogno in primis di questo fattore.

Acquista su Amazon.it (€9,99)

 

 

 

4. Cadrim Mini Pompa Sommersa per Terrari

 

Chi non sa come scegliere una buona pompa per acquario può non riuscire a orientarsi tra prodotti nuovi e vecchi: un modello che viene incontro alle esigenze di molti è quello di Cadrim, disponibile in due versioni, con portata da 1200 ml e 2200 ml.

Pensata non per essere esterna, ma per essere posizionata nell’acqua, grazie anche alle quattro ventose di cui dispone, ha una valvola regolabile che permette di stabilire la potenza del flusso in uscita.

La potenza è di 25W e i consumi sono bassi, anche se non tutti sono d’accordo sul fatto che sia piccola, in quanto questo fattore dipende molto dall’acquario nel quale la si colloca. Indicata anche per terrari e fontane, è realizzata con materiali anticorrosivi, che quindi ne garantiscono una lunga durata nel tempo.

In sostanza una spesa valida per chi non ha grandi esigenze.

 

Pro

Bassi consumi: Il vantaggio di questo modello è quello di garantire consumi contenuti anche se abbastanza potente.

Materiali resistenti: Realizzata con materiali anticorrosivi, è destinata a durare a lungo nel tempo, per cui potrete usarla senza dover già pensare a quando sostituirla.

Ventose: Quelle poste sul corpo consentono di posizionarla nell’acquario e di fissarla in maniera stabile.

 

Contro

Dimensioni: Anche se viene venduta come un oggetto di piccole dimensioni, questo fattore dipende molto dal luogo in cui viene collocata.

Acquista su Amazon.it (€14,99)

 

 

 

5. Hygger Pompa d’Aria per Acquario Silenziosa 420mL /1.5W

 

Se il vostro problema principale è costituito dal rumore che una pompa per acquario può produrre, magari perché avete collocato questo oggetto nelle vicinanze della camera da letto, date uno sguardo al modello di Hygger.

L’azienda infatti ha dotato la sua di una piastra di ceramica piezoelettrica molto sottile, in grado di ridurre le vibrazioni e quindi perfetta per chi vuole porre l’acquario nella zona notte o nel salotto.

Disponibile nei colori bianco e nero, è piccola e poco ingombrante, facile da installare grazie anche alle ventose e indicata per modelli con profondità massima di 500 mm. Anche se è un modello ad alta efficienza, non consuma molto, perché il potere è di 1,5W.

I materiali di cui è costituita la rendono anche molto resistente, quindi è l’ideale se avete bisogno di fare un acquisto di lunga durata. Il costo è nella media, ma non soddisfa chi ritiene che non si tratti di un modello molto potente.

 

Pro

Estetica: Se la vostra pompa per acquario deve essere anche appagante dal punto di vista estetico, quella di Hygger soddisfa queste esigenze, in quanto ha una linea molto pulita e sobria.

Silenziosa: Piace perché può essere collocata su un acquario che si trova nelle vicinanze della camera da letto o del salotto, visto che produce poco rumore.

 

Contro

Costo: Anche se è contenuto, non si addice a un prodotto che non sempre soddisfa per la sua potenza.

Acquista su Amazon.it (€17,98)

 

 

 

6. Tetra WP Pompa per Acquari di 10-80 L

 

Torniamo a parlare di un altro modello di Tetra, una pompa per acquario disponibile per vari tipi di ambienti: non solo 10-80 L ma anche 80-200 L e 202-300 L. La velocità del flusso è regolabile mediante la levetta posta sulla parte anteriore, poi basta inserire il prodotto nell’acqua e collegare la spina, anche se è necessario un adattatore, da acquistare a parte.

Si tratta di un modello potente, che garantisce un buon flusso d’acqua e che può contare su quattro ventose per essere posizionato sul fondo dell’acquario senza muoversi o spostarsi. Piace anche per la silenziosità, che la rende ideale anche per acquari vicini alle zone notte.

Il costo è nella media, ma, anche se c’è una garanzia di ben due anni sulla sua funzionalità, c’è chi sostiene che smetta di lavorare bene dopo poco tempo.

 

Pro

Facile da installare: Si tratta di un modello che non richiede particolari competenze per essere collocato all’interno dell’acquario.

Silenzioso: Un grande vantaggio è la produzione di rumore molto ridotta, che permette di collocare questo filtro anche in un acquario posto nelle vicinanze della camera da letto.

 

Contro

Funzionalità: Nonostante la presenza della garanzia di due anni, il prodotto non funziona bene già dopo poco tempo.

Acquista su Amazon.it (€16,11)

 

 

 

7. Newa Maxi Pompa 1000 per Acquario

 

La pompa per acquario di Newa è pensata per chi ha bisogno di un modello di dimensioni contenute ma dalla potenza valida: infatti può raggiungere i 1000 L all’ora nonostante non sia un prodotto ingombrante.

La guarnizione O-Ring ne garantisce una tenuta perfetta non solo quando è nell’acqua ma anche all’esterno, inoltre è molto silenziosa, grazie al motore monoblocco. Ha una potenza di 14W ma assicura consumi ridotti, che non incideranno sulla vostra spesa di energia elettrica.

Dotata di tre ventose, si colloca facilmente all’interno dell’acquario e in maniera stabile, per evitare qualsiasi tipo di incidente. Un modello versatile, che può essere anche usato in un laghetto, per esempio, ma che non è il prodotto indicato per chi vuole spendere poco, visto che ha un costo più alto rispetto ad altre pompe.

 

Pro

Potente: Questa pompa è in grado di raggiungere i 1000 L ma, nonostante questo, non è di dimensioni importanti, per cui non va a ingombrare l’acquario.

Silenziosa: Grazie al motore monoblocco, è un modello silenzioso e che quindi può essere collocato tanto all’interno quanto all’esterno dell’acquario senza creare problemi.

 

Contro

Costo: Si tratta di un prodotto molto versatile, indicato non solo e prettamente per gli acquari, che ha però un prezzo di vendita più alto di altri.

Acquista su Amazon.it (€28)

 

 

 

8. Tsss Ultra-Silenzioso Mini DC12V Acquario Piccolo 

 

Pensata per acquari grandi o anche per una fontana, la pompa di Tsss ha un flusso massimo di 240 L e una tensione pari a 12V: è importante tenere a mente soprattutto questo elemento, per non rovinare o bruciare il motore, che impedirebbe così al prodotto di funzionare.

Le dimensioni sono compatte, infatti misura 54 x 40 x 36 mm, per cui non è un oggetto ingombrante e inoltre è molto silenzioso, quindi indicato anche per zone in cui si richiede il minimo rumore.

L’altezza massima può essere di 3 m e i materiali di costruzione sono tali da assicurare una lunga durata del prodotto, sia in acqua dolce, sia in acqua salata. Secondo alcuni utenti, però, non è così tanto affidabile da farle tirare su acqua da un’altezza superiore ai 60 cm: se si va oltre potrebbe andare in stallo.

 

Pro

Compatta: Ha dimensioni ridotte, che non la rendono un oggetto ingombrante all’interno, per esempio, di un acquario piccolo.

Silenziosa: Assicura una produzione di rumore molto ridotta, per cui va bene anche se deve essere posizionata in fontane nei pressi della zona notte.

 

Contro

Altezza: Anche se l’azienda garantisce che possa essere posta anche a 3 m, pare che superati i 60 cm abbia difficoltà a tirare su l’aria e che quindi si ingolfi.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare una pompa per acquario

 

Ci sono alcune accortezze da tenere a mente quando si deve scegliere una buona pompa per acquario: a cosa non si deve assolutamente rinunciare? Abbiamo stilato un insieme di aspetti da non sottovalutare: date loro un’occhiata per effettuare un acquisto sicuro.

La qualità

Quando dovete acquistare una pompa per acquario, il primo passo da fare è quello di verificare la buona qualità dei materiali, che devono essere abbastanza resistenti da garantire una lunga vita al prodotto.

Questo perché la pompa deve poter lavorare indisturbata per molto tempo e non rompersi, altrimenti avrete speso invano i vostri soldi. Importante anche che non richieda una manutenzione continua, che sia quindi facile da pulire, smontare e rimontare, anche a prova di novizio nel mondo degli acquari.

Un altro aspetto da valutare è il rispetto delle regole di sicurezza, che devono farvi stare tranquilli, visto che il prodotto potrebbe essere messo all’interno dell’acquario. In sostanza, dovrete controllare la presenza di sigle, come la CE, che garantiscano la conformità della pompa alle norme della comunità, in modo da non correre rischi.

Inoltre, la presenza di una garanzia, di almeno cinque anni, vi metterà al riparo da malfunzionamenti e quindi dal perdere il denaro speso. Fate attenzione al tipo di motore, che deve avere una protezione valida contro il surriscaldamento, sia per evitare incidenti, sia per non vederlo bruciare e mandare così in fumo l’impiego di denaro.

 

Prevalenza e portata

Andando più nel tecnico, sono due i valori fondamentali ai quali si deve fare riferimento quando si sceglie una pompa per acquario: la prevalenza e la portata. La prima altro non è altro che la capacità del modello scelto di spingere una certa quantità di acqua verso l’alto.

La seconda, invece, è proprio la quantità che il prodotto riesce a spostare in un determinato tempo, partendo dall’ingresso e fino all’uscita. Ma questi criteri devono essere stabiliti, naturalmente, in base ad altri elementi, come la grandezza della vasca che ospita i vostri pesci, il numero degli esemplari e anche quanti litri di acqua ci sono all’interno. 

Tenendo presenti questi parametri potrete capire, quindi, se preferire una pompa che vada bene, per esempio, per un acquario da 80 L, da 100 L o da 200 L e così via. Infatti, la regola generale vuole che la potenza di questo elemento debba essere ben 20 volte la portata della vasca, espressa in metri cubi.

Quindi, un acquario da 100 L ha bisogno di una pompa con potenza da 2000 litri all’ora e così via. 

 

La rumorosità

Questo è uno degli aspetti da considerare per primi, per il semplice fatto che, nel caso in cui la pompa producesse un rumore eccessivo, sarebbe opportuno collocare l’acquario in una zona differente da quella notte.

Considerate dunque quanto vibra il modello da voi scelto, consultando le recensioni di chi lo ha acquistato, in modo da capire se è possibile che il fastidio procurato sia poco sopportabile da parte vostra.

Se avete una casa piccola e quindi non potete spostare l’acquario, dovrete optare per una pompa che emetta un rumore inferiore ai 33 dB, quindi che non crei disturbo durante le ore notturne. In caso contrario, potrete invece prendere il modello più potente ma posizionare l’acquario in un luogo abbastanza lontano dalla vostra camera da letto.

Il timer

Anche questo è un elemento che può essere davvero molto utile, se presente su una pompa. In questo modo infatti si possono personalizzare i movimenti delle acque, così da non tenere acceso il prodotto tutto il giorno, soprattutto se consuma in maniera eccessiva.

Date naturalmente importanza anche a questo aspetto: se volete mantenerla in azione costantemente, dovrete verificare che l’energia elettrica impiegata non sia eccessiva, altrimenti la bolletta che arriverà a casa sarà molto pesante.

 

Le ventose

A seconda se si voglia collocare la pompa sul fondo o sul lato dell’acquario, un altro aspetto da tenere presente sono le ventose, che consentano di fissare il modello scelto, in modo che non si sposti e che quindi causi problemi allo stesso acquario.

A questo proposito, è opportuno anche scegliere il posto giusto in cui posizionare la pompa: meglio evitare zone in cui ci sono legnetti o sassolini, se il modello da acquistare è interno, mentre è necessario metterla al riparo della polvere, se si tratta di un prodotto da esterno.

 

 

 

Come funziona la pompa per acquario

 

Appartenete a quella schiera di utenti che vuole sempre capire il funzionamento degli oggetti che acquista, per capire come intervenire in caso di problemi? Ecco l’articolo che fa per voi: cerchiamo di capire insieme come agisce la pompa per acquario per far circolare l’aria e vediamo insieme i tipi di modelli presenti sul mercato.

Le pompe di mandata

In primo luogo è bene stabilire che ci sono due diverse tipologie di pompe per acquario: quelle di mandata e quelle di movimento. Qui parliamo della prima categoria, che a sua volta si suddivide in pompe a immersione e a secco.

In generale, questi modelli garantiscono che l’acqua si sposti verso la stazione di filtraggio in maniera corretta e con un flusso costante, che non crei problemi a chi abita nell’acquario. Il primo tipo, quello a immersione, come dice la parola stessa, deve essere immerso nell’acqua e assicura l’eliminazione delle scorie e quindi delle patine oleose.

Sono anche le più economiche, al contrario di quelle a secco, che devono essere poste al di fuori dell’acqua e non la influenzano a causa di una maggiore o minore produzione di calore, dovuta al motore incorporato: sono, però, anche parecchio costose.

 

Le pompe di movimento

Questa seconda tipologia funziona invece in maniera del tutto indipendente rispetto all’azione del filtro: simulano infatti il movimento delle correnti, portando con sé i detriti ma anche il nutrimento e l’ossigeno per piante e pesci che abitano nell’acquario.

Anche queste si suddividono in pompe da esterno e a immersione: quest’ultime hanno la necessità di materiali resistenti, infatti sono spesso create con ABS, hanno il circuito protetto dalla resina epossidica e un albero motore in acciaio inox, che deve assicurare una lunga durata.

Possono inoltre essere caratterizzate da accessori che rendano il loro ancoraggio all’interno dell’acquario molto stabile, per evitare qualsiasi tipo di incidente o di malfunzionamento.

Per acqua dolce o salata

Se dovete scegliere una pompa in grado di funzionare bene in entrambi i casi, dovrete optare per quella di movimento, che ha una struttura tale da resistere in qualsiasi condizione. Non solo, infatti gli optional consentono di gestire meglio elementi come i consumi di corrente, come il timer, che ne stabilisce l’inizio e la fine del funzionamento.

Importante anche la presenza dei regolatori di flusso, che devono adattarsi alle dimensioni della vasca, e anche i supporti a ventosa, gli unici in grado di tenere le pompe ancorate in orizzontale o in verticale, senza correre il pericolo che si stacchino e cadano.

Se vi sembra che quella che avete scelto non abbia un funzionamento adeguato, potrete optare per il posizionamento di più elementi all’interno del vostro acquario.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come posizionare la pompa per acquario?

Per quanto riguarda le pompe di mandata, queste possono essere posizionate sul fondo della vasca, mentre un discorso diverso va fatto per quelle di movimento. Prima di tutto, è necessario capire quanti pezzi sia necessario acquistare e anche quale potenza debbano avere, a seconda della grandezza della vasca e del tipo di acquario che si allestisce.

Per assicurare un flusso costante, sarebbe opportuno prenderne due e collocarle sui due lati corti, così da creare un buon contrasto. Può poi essere azionato il timer, in modo che, allo spegnersi di una, entri in azione l’altra.

A cosa serve la pompa per acquario?

Si tratta di un elemento di fondamentale importanza per assicurare una vita lunga alla flora e alla fauna dell’acquario. La pompa infatti permette all’ossigeno di circolare, al mangime di essere sparso in ogni parte della vasca, così da raggiungere tutta la popolazione e garantire un nutrimento completo, allo sporco di essere spazzato via dal fondo.

Se pensate che il vostro acquario possa fare a meno di una parte così importante, fareste bene a non cercare neppure di metterne su uno.

 

Quando pulire la pompa per acquario?

Quando voi rendete conto che nelle intercapedini si è accumulato uno strato di sporco, quello è il momento di rimuovere e pulire la pompa, che altrimenti potrebbe non funzionare in maniera corretta e pregiudicare la vita dei pesci.

In generale, questa operazione dovrebbe essere ripetuta almeno due/tre volte all’anno, ma tenere d’occhio la pompa vi farà capire se è il caso di intensificare l’azione.

 

Perché la pompa per acquario non funziona?

I problemi potrebbero essere diversi, quindi è il caso di fare qualche verifica. Prima di tutto potrebbe esserci un intasamento nella griglia di aspirazione: basterà semplicemente smontarla e metterla sotto un getto di acqua corrente per eliminare il problema.

Potrebbe esserci, inoltre, un corpo estraneo nel vano del rotore, cosa molto comune, visto che decorazioni come i sassolini o le conchiglie potrebbero finirci per errore: qui sarà necessario smontarlo e rimuovere l’impedimento.

Se non siete stati attenti, il problema potrebbe essere semplicemente la presenza di sporco accumulato: ecco perché vi consigliamo di controllare periodicamente che le intercapedini siano pulite, in caso contrario provvedete a smontare la pompa e a eliminare i detriti.

Altri problemi, che però richiedono un intervento esterno, sono il surriscaldamento e la rottura di un pezzo: in entrambi i casi sarà necessario chiedere la consulenza di un esperto o di un negozio specializzato, che potrà individuare la problematica e correre ai ripari.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments