Ultimo aggiornamento: 27.10.20

 

Riscaldatori per acquario – Opinioni, analisi e guida all’acquisto

 

Se non siete degli acquariofili esperti e vi state avvicinando per la prima volta a questo mondo, è bene che oltre a una buona vasca per i vostri pesci, scegliate anche gli accessori giusti. Filtri, piante acquatiche, sabbia, ghiaia, oggetti decorativi, e così via, sono elementi fondamentali per allestire un acquario di tutto rispetto. Tra i tanti accessori ce n’è uno non meno importante, indispensabile per creare la giusta temperatura per l’ecosistema acquatico, ovvero il riscaldatore per acquario. In cima alla nostra classifica svetta Tetra HT Termoriscaldatore Automatico per Acquari 50W, un dispositivo automatico molto efficiente, ideale per vasche piccole e di media grandezza. Se invece state cercando un apparecchio potente che non consumi troppo, BPS 6052 Riscaldatore per Acquario a Immersione 100W 26.5cm, potrebbe fare al caso vostro.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori riscaldatori per acquario – Classifica 2020

 

Per creare una temperatura acquatica ideale per i vostri pesci, avete bisogno di un apposito dispositivo termico. Continuando a leggere troverete una lista di quelli che pensiamo essere i migliori riscaldatori per acquario del 2020. Valutate quali sono le offerte più vantaggiose e scoprite dove acquistare i modelli più adatti a soddisfare le vostre esigenze.

 

 

1. Tetra HT Termoriscaldatore Automatico per Acquari 50W

 

Se non sapete come scegliere un buon riscaldatore per acquario senza spendere troppo, date un’occhiata a questo modello da 50W marchiato Tetra. Si tratta di un termoriscaldatore automatico a immersione, ideale per vasche da 20 litri o di capienza media.

Il dispositivo è dotato di un segnale luminoso che avverte quando l’apparecchio è in fase di riscaldamento. Inoltre è presente un pratico regolatore per la preselezione della temperatura desiderata dell’acqua, che può essere impostata da un minimo di 19°C fino a un massimo di 31°C.

L’accessorio è sigillato a tenuta stagna e può essere immerso nell’acqua senza subire danni.

Il tubo di rivestimento è in vetro borosilicato spesso 2 mm, resistente agli urti e agli sbalzi termici, mentre gli elementi riscaldanti sono realizzati in ceramica, per favorire una conduzione termica migliore e uniforme.

Il sistema di applicazione è molto semplice, infatti grazie alle due ventose presenti sul dispositivo, potrete installarlo facilmente in verticale all’interno dell’acquario. Purtroppo non è presente un termometro che indichi l’effettiva temperatura dell’acqua.

 

Pro

Efficiente e conveniente: Il dispositivo è in grado di riscaldare l’acqua in breve tempo, grazie alla sua regolazione automatica della temperatura. Inoltre il prodotto si presenta con un prezzo basso e conveniente.

Compatto: Il design del termoriscaldatore è compatto e di dimensioni ridotte. In questo modo non ingombra molto spazio nell’acquario.

Facile da installare: Grazie alla presenza di due ventose, il dispositivo può essere applicato facilmente su una parete interna della vasca.

 

Contro

Termometro non presente: Nonostante l’apparecchio svolga bene il suo compito, è privo di un termometro che vi possa permettere di controllare costantemente la temperatura dell’acqua.

Acquista su Amazon.it (€21,4)

 

 

 

2. BPS 6052 Riscaldatore per Acquario a Immersione 100W 26.5cm

 

Facendo una comparazione tra i vari modelli di riscaldatore per acquario venduti a prezzi bassi, abbiamo deciso di annoverare nella nostra classifica questo dispositivo a immersione prodotto da BPS.

Si tratta di un termoriscaldatore completamente sommergibile, adatto ad acquari che vanno da 50W a 300W. Grazie alla sua potenza da 100W, l’apparecchio è in grado di riscaldare l’acqua in poco tempo, offrendo grandi prestazioni a basso consumo.

Il termostato può essere impostato da 16° C a 32° C ed è capace di mantenere la temperatura dell’acqua costante, così le creature ittiche potranno vivere in un habitat ideale. 

La scala di misurazione è dotata anche di gradi Fahrenheit; tuttavia il termostato non è molto preciso e potreste avere bisogno del supporto di un altro termometro per verificare se la temperatura ottenuta è quella giusta.

Il prezzo del prodotto è davvero conveniente e competitivo e vi consente di portarvi a casa un riscaldatore per acquario senza spendere troppi soldi.

 

Pro

Basso consumo: L’apparecchio è in grado di riscaldare l’acqua della vasca in poco tempo, così risparmierete sui consumi di energia elettrica.

Temperatura costante: Il dispositivo compie bene il suo lavoro e riesce a mantenere la temperatura dell’acqua costante, evitando gli sbalzi termici.

Facile da montare: Grazie alla presenza di due ventose disposte lungo il tubo, l’installazione del riscaldatore all’interno dell’acquario risulta pratica e veloce da eseguire.

 

Contro

Termostato: Il termostato può essere regolato da 16° C a 32° C, ma la misurazione non è perfetta, pertanto può essere necessario utilizzare un termometro di supporto per controllare la temperatura dell’acqua.

Acquista su Amazon.it (€14,85)

 

 

 

3. Askoll Therm Aa230005 Termoriscaldatore 300 Watt per Acquario XXL

 

Se avete una vasca di pesci molto grande e non sapete ancora quale riscaldatore per acquario comprare, vi suggeriamo Therm XXL di Askoll. Il dispositivo è stato progettato per riscaldare acquari con capienza fino a 300 L. 

Grazie alla sua potenza da 300W, l’apparecchio è in grado di raggiungere la temperatura impostata in breve tempo e di mantenerla costante, evitando qualsiasi sbalzo termico potenzialmente dannoso per i pesci. Il modello è versatile, infatti può essere utilizzato sia in vasche contenenti acqua dolce e sia in acquari marini.

Un’altra caratteristica vincente di questo prodotto è il design mimetico, che vi consentirà di nascondere il termoriscaldatore in mezzo alla flora acquatica. Il dispositivo è facile da installare all’interno della vasca, grazie alle pratiche ventose in dotazione.

Il prezzo del prodotto è un po’ al di sopra della media, tuttavia la spesa è ripagata dalla grande qualità e dall’alta affidabilità del marchio.

 

Pro

Potente: Grazie alla sua potenza da 300W, il dispositivo è in grado di riscaldare l’acqua velocemente e di mantenerla a temperatura costante. In questo modo i pesci non subiscono sbalzi termici.

Mimetico: Il termoriscaldatore ha un design mimetico, che consente di nascondere l’apparecchio in mezzo alla flora acquatica presente all’interno della vasca.

Ideale per grandi acquari: Si tratta di un dispositivo adatto a riscaldare acquari molto grandi con capienza fino a 300 L.

 

Contro

Prezzo: Il costo del prodotto è un po’ più alto rispetto a quello di altri riscaldatori per acquario di questo tipo.

Acquista su Amazon.it (€23,3)

 

 

 

4. Hygger 50W/100W Mini Regolabile Riscaldatore LED Digitale Controller Esterno

 

Se avete delle tartarughe acquatiche e siete alla ricerca di un buon termoriscaldatore da inserire nella loro vasca, il dispositivo con controller esterno Hygger potrebbe fare al caso vostro.

Si tratta di uno dei riscaldatori per acquario più venduti del momento, grazie alla sua grande efficienza e praticità d’utilizzo. L’apparecchio va immerso completamente in acqua e una volta impostati i gradi desiderati, un LED rosso vi indicherà la fase di riscaldamento; la luce si spegnerà automaticamente a temperatura raggiunta. 

L’apparecchio è versatile è può essere utilizzato sia in acqua dolce e sia in acqua marina. Un’altra caratteristica interessante è la funzione di memoria, molto utile in caso di interruzione di corrente.

Nonostante le dimensioni del riscaldatore siano compatte, non è facilissimo nasconderlo. Sul dispositivo sono presenti delle ventose che consentono di fissarlo sulle pareti interne della vasca.

Il prodotto è ideale per piccoli acquari con capacità massima di 50 L, è realizzato con materiali di alta qualità e il prezzo è abbastanza accessibile.

 

Pro

Versatile: Il dispositivo può essere utilizzato in piccoli acquari contenenti tartarughe, pesci e invertebrati. Inoltre può essere usato sia in acqua dolce e sia in acqua salata.

Display digitale: Grazie al pratico display digitale a LED, verrete avvisati non appena l’acqua avrà raggiunto la temperatura desiderata.

Sicuro: Il dispositivo è dotato di un sistema di sicurezza molto efficiente, che arresta il funzionamento dell’apparecchio sia quando la temperatura è superiore a 35° C e sia quando l’apparecchio non è completamente immerso in acqua.

 

Contro

Dimensioni: Nonostante la forma del riscaldatore sia compatta e le dimensioni siano ridotte, potrebbe non essere propriamente semplice nascondere il dispositivo all’interno dell’acquario.

Acquista su Amazon.it (€22,99)

 

 

 

5. Aquael Easy Heater Riscaldatore Acquario Dolce Marino 100 W

 

Tra i vari riscaldatori per acquario venduti online, il nuovo modello da 100W Easy Heater di Aquael ha attirato la nostra attenzione in modo particolare. Il congegno è adatto a vasche di medie dimensioni, con capacità che va da 75 a 100 L.

L’apparecchio è dotato di una pratica manopola di regolazione, che agevola l’impostazione della temperatura desiderata in un range compreso tra 18° C e 36° C. Sul dispositivo sono presenti tre LED che si accendono automaticamente durante il funzionamento, così potrete monitorare il riscaldamento dell’acqua.

All’interno dell’apparecchio è presente un interruttore termico di sicurezza, che in caso di accensione errata del riscaldatore, disattiva immediatamente il funzionamento. I materiali sono di alta qualità e sono resistenti anche agli urti di una certa potenza.

Uno degli aspetti più interessanti del dispositivo è la forma, che risulta piatta e compatta, così potrete nasconderlo facilmente nell’acquario. Il prezzo del prodotto non è propriamente basso ma la qualità dell’accessorio ripaga della spesa.

 

Pro

Forma: La forma sottile del dispositivo permette di nascondere facilmente il riscaldatore all’interno della vasca, così non inciderà negativamente sull’aspetto estetico dell’acquario.

Sicurezza: L’apparecchio è dotato di un efficiente sistema di sicurezza che arresta il funzionamento del riscaldatore in caso di accensione errata o di fuoriuscita del congegno dall’acqua.

Installazione: Il modello è dotato di pratiche ventose che consentono una facile installazione su qualsiasi parete della vasca. Inoltre il riscaldatore può funzionare sia in posizione verticale e sia in posizione orizzontale.

 

Contro

Prezzo: L’alta qualità del dispositivo incide abbastanza sul prezzo di vendita, che potrebbe risultare un po’ alto.

Acquista su Amazon.it (€29,9)

 

 

 

6. Hydor Riscaldatore Esterno per Acquario ETH 300W

 

Siete alla ricerca del miglior riscaldatore per acquario ma non volete che il dispositivo ingombri spazio nella vasca? Il modello ETH 300W di Hydor potrebbe essere la soluzione più adatta a soddisfare le vostre esigenze.

L’apparecchio va installato all’esterno dell’acquario e più precisamente sulla pompa di mandata del filtro. L’acqua viene riscaldata in maniera uniforme e i pesci hanno più spazio a disposizione per nuotare. Il termostato è regolabile e può essere impostato tra i 18° C e i 34° C.

Il dispositivo garantisce la massima sicurezza grazie all’efficiente sistema di autoprotezione del film PTC, che evita eventuali rischi di surriscaldamento e di fusione. I componenti sono resistenti e di alta qualità, progettati per durare a lungo.

L’installazione è abbastanza semplice da eseguire, tuttavia potreste avere qualche difficoltà nel posizionare correttamente il riscaldatore all’esterno della vasca, in quanto l’apparecchio risulta un po’ ingombrante. Il costo del prodotto non è basso e potrebbe non essere accessibile a tutte le tasche.

 

Pro

Installazione esterna: Si tratta di un riscaldatore da installare all’esterno dell’acquario, pertanto non ingombra spazio nella vasca.

Versatile: Il dispositivo è adatto sia agli acquari e sia alle tartarughiere, inoltre la sua potenza da 300W può riscaldare vasche molto grandi, fino a una capienza massima di 300 L.

Affidabile: La tecnologia esclusiva dell’accessorio è affidabile e i componenti sono di alta qualità, progettati per durare nel tempo.

 

Contro

Ingombrante: Pur non andando a occupare spazio all’interno dell’acquario, il termoriscaldatore ha delle dimensioni un po’ ingombranti, perciò potreste trovare qualche difficoltà nel collocarlo in un posto sicuro.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

7. Nicrew Mini Riscaldatore 100W per Animali da Acquario

 

Un altro riscaldatore per acquario che secondo il nostro parere merita di essere annoverato nella nostra classifica, è il modello mini da 100W proposto da Nicrew. Si tratta di un apparecchio con temperatura regolabile da 20° C a 34° C, adatto ad acquari fino a 100 litri.

Il meccanismo termico genera un trasferimento di calore efficace e omogeneo e grazie alla presenza di uno schermo LED, potrete monitorare sempre la temperatura all’interno della vasca.

Purtroppo il display una volta immerso nell’acqua è visibile soltanto da alcune angolazioni, pertanto in fase di installazione occorre considerare questo particolare, al fine di posizionarlo in maniera ben visibile.

Il corpo dell’apparecchio è impermeabile ed è stato progettato per prevenire efficacemente la perdita di elettricità. Il riscaldatore è adatto sia ad acquari d’acqua dolce e sia ad acquari d’acqua marina. Per quanto riguarda il rapporto qualità/prezzo è ottimo e il costo risulta vantaggioso e conveniente.

 

Pro

Riscaldamento efficiente: Grazie ai suoi 100W di potenza, il dispositivo è in grado di riscaldare acquari con capienza fino a 100 L.

Impermeabile: Il corpo del dispositivo è impermeabile, al fine di prevenire in maniera efficace eventuali perdite di elettricità nell’acqua.

Schermo LED: Il riscaldatore è a immersione ed è dotato di uno schermo LED, così potrete monitorare sempre la temperatura dell’acquario.

 

Contro

Leggibilità del display: Purtroppo una volta che il display digitale viene immerso in acqua, è visibile soltanto da alcune angolazioni, perciò è necessario fare attenzione a posizionarlo in modo che sia ben leggibile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

8. Sera Delta Heater, riscaldatore Regolabile 50W

 

La proposta di Sera si fa apprezzare per il prezzo di vendita, in linea con quello che ci si aspetta da un prodotto di questo tipo, e per l’ampia possibilità di scelta rappresentata da differenti livelli di potenza, a partire da 25W per arrivare a 300W. Va da sé che optare per un modello piuttosto che per un altro dipende dalle dimensioni del vostro acquario, noi per la nostra recensione abbiamo scelto la versione da 50W che, stando anche alle indicazioni del produttore, si adatta a vasche fino a 50 litri (l’equivalenza è di un W per litro). 

Le dimensioni compatte del riscaldatore permettono di posizionarlo all’interno dell’acquario senza ingombri eccessivi mentre la rotella consente di regolare la temperatura in base alle esigenze, optando per un range che varia tra i 18 e i 32 gradi. È dotato di protezione dal surriscaldamento e di un comodo display che evidenzia lo stato operativo, fornendo indicazioni cromatiche facilmente interpretabili: con la luce verde la temperatura è corretta, con quella rossa l’acqua si sta surriscaldando, con quella viola è entrato in azione il succitato meccanismo di protezione. 

Quello di Sera è un prodotto economico dunque non sono mancati utenti che hanno avuto qualche problema nel fissaggio all’interno dell’acquario o difficoltà nella corretta regolazione della temperatura ma, nel complesso, c’è molta soddisfazione per questo dispositivo.

 

Pro 

Display: Grazie alla sua presenza e alle intuitive indicazioni cromatiche (verde, rosso e viola) è semplice interpretare la situazione della temperatura dell’acqua e, nel caso, intervenire.

Regolazione: Il dispositivo consente di scegliere la temperatura desiderata andando a intervenire sulla rotella e modificando il valore con un range tra i 18 e i 32 gradi. 

Dimensioni: Si tratta di un riscaldatore per acquario non particolarmente ingombrante e che, dunque, si adatta facilmente all’interno di vasche anche di dimensioni contenute. 

 

Contro 

Stabilità: Qualche utente ha lamentato una non perfetta stabilità una volta posizionato ma, la nostra impressione, è che si tratti più che altro di qualche caso sporadico. 

Acquista su Amazon.it (€15,59)

 

 

 

Guida per comprare un riscaldatore per acquario

 

Avere un acquario in casa o in ufficio è sempre una cosa bella e affascinante, tuttavia bisogna ricordare che non si tratta di un semplice complemento d’arredo ma bensì di un piccolo ecosistema acquatico che necessita di molte cure. 

Tra i vari prodotti e accessori che servono a creare un habitat accogliente e funzionale per i vostri pesci, sicuramente il termoriscaldatore è uno degli elementi più importanti. Questo dispositivo serve a creare una temperatura ideale per le specie ittiche presenti in un acquario e a evitare eventuali sbalzi termici, che risulterebbero pericolosi per gli abitanti della vasca. 

Vediamo insieme come scegliere un buon riscaldatore per acquario e quali sono i parametri da tenere in considerazione prima di acquistare un modello sul mercato.

Documentarsi sulle specie ittiche

È bene fare una piccola premessa dicendo che la presenza di un riscaldatore all’interno di un acquario non è sempre necessaria. Questa dipende dalle specie ittiche che popolano la vasca. Per esempio, se desiderate allevare dei pesci d’acqua fredda, l’utilizzo di un termoriscaldatore risulterà superfluo.

Al contrario, se si tratta di allevare dei pesci tropicali, riscaldare l’acqua sarà una cosa fondamentale per la loro sopravvivenza, soprattutto durante i mesi invernali. A tal proposito, prima di acquistare qualsiasi creatura acquatica, è molto importante che vi documentiate sulle loro caratteristiche e sulle loro esigenze climatiche e abitative. 

In questo modo sarete in grado di preparare un acquario perfetto e adeguato alle loro necessità.

 

Potenza

Se i pesci o le tartarughe marine del vostro acquario hanno bisogno di un termoriscaldatore, è fondamentale scegliere un dispositivo adeguato alla grandezza della vasca. Ricordate che un apparecchio poco potente potrebbe non essere efficiente e risultare inutile, Stesso discorso vale se il dispositivo è esageratamente potente rispetto al volume d’acqua da riscaldare.

Per orientarvi sul modello giusto, ricordate che è importante conoscere prima la capacità dell’acquario e poi calcolare un rapporto di 1W per ogni litro d’acqua; in questo modo sarete in grado di determinare la giusta potenza di cui avete bisogno.

Scegliendo per esempio un riscaldatore da 100W per una vasca da 100 L, il dispositivo riscalderà l’acqua in breve tempo e consumerà soltanto l’energia necessaria a raggiungere la temperatura prestabilita. In pratica avrete un apparecchio efficiente e risparmierete sui consumi di corrente elettrica.

 

Regolatore di temperatura

Per ciò che concerne la temperatura, è bene che vi orientate su un tipo di riscaldatore dotato di termostato ad ampio intervallo (solitamente da 18° C a 30° C), così avrete una scelta d’impostazione più ampia.

In ogni caso, se volete essere sicuri che il termoriscaldatore faccia bene il suo dovere, optate per un modello con regolazione automatica della temperatura, al fine di evitare eventuali sbalzi termici che potrebbero nuocere alla salute dei pesci. 

Ovviamente i dispositivi migliori sono quelli muniti di termometro o di display digitale, che vi permettono di monitorare sempre la temperatura dell’acqua.

 

Tipi d’installazione

Un riscaldatore per acquario efficiente deve essere preciso, efficiente e ingombrare poco spazio all’interno della vasca. L’installazione può essere di due tipi: interna o esterna. Il modello interno è quello più diffuso e in genere va immerso totalmente nell’acqua per poter funzionare correttamente. 

Di solito l’installazione è abbastanza semplice da eseguire, in quanto l’apparecchio è dotato di un sistema di aggancio (ventose o supporti a incastro) che viene ancorato a una delle pareti interne dell’acquario.

Per ciò che riguarda i modelli con installazione esterna, spesso sono molto potenti e si utilizzano per riscaldare acquari più grandi. In genere vanno collegati alla pompa di mandata del filtro e vengono posizionati accanto alla vasca. 

In questo caso, le buone prestazioni del riscaldatore dipendono sia dal suo alloggiamento e sia dall’efficacia del filtro. La cosa importante è che il flusso dell’acqua sia sempre costante e che la distribuzione del riscaldamento sia omogenea.

Materiali e sicurezza

Un fattore molto importante da non sottovalutare è la qualità dei materiali di cui è composto un riscaldatore per acquario. Questi non devono essere scadenti ma resistenti alle sollecitazioni, agli urti e agli shock termici.

Inoltre un buon dispositivo non deve scottare né i pesci, né la pelle umana se si entra a contatto con la sua superficie. Infatti è fondamentale che l’apparecchio sia dotato di un sistema automatico di raffreddamento, che sia in grado di attivarsi in uno di questi casi. 

È altresì indispensabile che un riscaldatore per acquario, oltre a essere realizzato con componenti di buona qualità, riesca a soddisfare tutti i requisiti di sicurezza.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come funziona un riscaldatore per acquario?

Un riscaldatore per acquario serve a generare un microclima adeguato alle caratteristiche delle specie ittiche o delle tartarughe acquatiche che popolano una vasca. Solitamente, alla base del funzionamento di questo sistema c’è una resistenza, che viene accoppiata a un termostato, che a sua volta ha il compito di misurare e regolare la temperatura dell’acqua.

Appena quest’ultima si raffredda o scende al di sotto di un determinato valore preimpostato, la resistenza si attiva e innesca l’accensione del dispositivo riscaldatore, che riporta l’acqua alla temperatura originaria. 

Alla fine di tale operazione, l’apparecchio avrà svolto la sua funzione, pertanto si spegnerà in maniera automatica, senza consumare ulteriore corrente elettrica.

 

Dove posizionare il riscaldatore per acquario?

Di solito il riscaldatore viene alloggiato nel filtro interno dell’acquario, sempre se il modello di depuratore lo consente e se dispone di un apposito vano per tale accessorio. Diversamente, qualora il filtro non fosse munito di alloggiamento per il riscaldatore, quest’ultimo dovrà essere posizionato sulla pompa di mandata del filtro stesso, ovvero nella zona di gittata dell’acqua.

La cosa fondamentale è che la corrente e il flusso d’acqua siano sempre costanti e continui all’interno della vasca, in modo che il calore possa distribuirsi in maniera uniforme.

I riscaldatori a immersione spesso sono dotati di ventose, che permettono di ancorare il dispositivo a una delle pareti dell’acquario.

Per ciò che concerne i modelli esterni, vanno ad agire sempre sulla pompa di mandata del filtro, ma al posto di essere installati all’interno della vasca, vengono posizionati all’esterno di questa.

 

Come capire se un riscaldatore per acquario è guasto?

Innanzitutto bisogna sempre monitorare l’acquario e controllare che tutti i componenti compiano bene il loro dovere. In caso di malfunzionamenti, potrebbero nascere diversi problemi che metterebbero a rischio l’incolumità dei vostri pesci.

Per ciò che riguarda il riscaldatore, controllate sempre che la temperatura riportata sul termostato corrisponda a quella reale dell’acqua. Qualora non fosse presente un termometro, utilizzatene uno a parte. Se la temperatura rilevata non è quella riportata sul termostato, c’è qualcosa che non va.

Quando un riscaldatore raggiunge la temperatura preimpostata, deve spegnersi automaticamente, se ciò non avviene e nonostante i gradi raggiunti il dispositivo continua a riscaldare, vuol dire che non sta funzionando correttamente.

In questo caso il rischio è quello di portare l’acqua a delle temperature troppo elevate per i pesci che popolano la vasca e ciò li metterebbe in serio pericolo.

Se il termostato perde la tara e risulta sballato ma il riscaldatore funziona correttamente, sarà sufficiente impostare una temperatura secondo un termometro ausiliario e non secondo la scala di gradi impressa sul termostato. 

Ovviamente questa è una soluzione provvisoria, in attesa dell’eventuale riparazione del termostato o della totale sostituzione del riscaldatore.

 

 

 

Come utilizzare un riscaldatore per acquario

 

Un riscaldatore per acquario è un elemento indispensabile e vitale per molte specie ittiche, che a temperature troppo basse rischierebbero di morire. Per capire meglio come utilizzare questo dispositivo in maniera corretta, è bene conoscere il modello di riscaldatore, il tipo di acquario e le specie acquatiche che devono abitare la vasca.

La temperatura ideale per i vostri pesci

Come anticipato, un riscaldatore è un accessorio fondamentale per portare l’acqua di una vasca per pesci a una temperatura ideale. Solitamente, tale impianto è composto da un riscaldatore e da un termostato che ne controlla il funzionamento e la temperatura.

Sul mercato è possibile trovare questi due elementi combinati in un unico dispositivo, che proprio per questo motivo prende il nome di “termoriscaldatore”. Generalmente la temperatura ottimale per molti animali acquatici è compresa tra i 24° C e i 28° C. 

Ovviamente si tratta di un parametro che dipende dalle diverse specie, anche perché esistono pesci che possono sopravvivere tranquillamente a temperature molto più basse, come per esempio i pesci rossi.

Se un acquario è privo di riscaldatore, durante la stagione fredda la temperatura dell’acqua potrebbe scendere così tanto da portare gli ospiti della vasca verso morte certa. Spesso si tratta di una fine lenta, preceduta da una lunga malattia da raffreddamento (Ictioftiriasi) che si manifesta con delle chiazze bianche sulle squame.

Per questo motivo, se decidete di allevare dei pesci, delle tartarughe d’acqua o altri animali acquatici, informatevi prima sulle caratteristiche della specie, al fine di garantire loro le condizioni di temperatura ideali per vivere in buona salute.

 

Come mettere il riscaldatore per acquario

Uno dei dubbi ricorrenti quando si acquista un riscaldatore per acquario, spesso riguarda la collocazione del dispositivo all’interno della vasca. Ogni modello ha un suo preciso schema di montaggio riportato sulle istruzioni, ma in linea di massima l’apparecchio deve essere posizionato all’interno del filtro o vicino a questo.

In pratica, il riscaldatore deve essere montato nei pressi della gittata d’acqua che fluisce nella vasca. Questo perché il flusso continuo del liquido consente al riscaldatore di distribuire uniformemente il calore in tutto l’acquario. In commercio è possibile trovare sia riscaldatori a immersione e sia dispositivi con tipo di installazione esterna.

I modelli sommergibili, per funzionare, devono essere necessariamente coperti interamente dall’acqua; inoltre possono essere fissati alle pareti dell’acquario tramite delle apposite ventose o altri sistemi di aggancio. 

I modelli esterni invece vengono montati sempre sulla pompa di mandata del filtro ma il corpo riscaldante rimane posizionato fuori dalla vasca, nelle immediate vicinanze.

Piccoli accorgimenti

Se dovete installare un riscaldatore a immersione, fate molta attenzione al livello dell’acqua presente nella vasca, poiché il liquido dovrà coprire totalmente la parte inferiore dell’apparecchio dov’è collocata la resistenza. 

Diversamente il dispositivo  non funzionerà correttamente oppure non si attiverà affatto. In genere su ogni modello sono riportati sia il livello d’acqua minimo e sia quello massimo da rispettare.

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

 

Voarge 25W 220V Sommergibile Acquario riscaldatore Serbatoio di Acqua

 

Il riscaldatore sommergibile per acquario Voarge è il più economico dei modelli presenti nella nostra lista; tuttavia ciò non vuol dire che sia un prodotto meno importante o meno efficiente.

Il dispositivo è composto da una barra riscaldante ad alta potenza, antideflagrante e resistente alle perdite di elettricità, così non avrete nulla da temere per i vostri pesci. 

L’apparecchio può essere regolato sulla temperatura desiderata e una volta raggiunta, l’indicatore luminoso si spegne automaticamente e il riscaldatore si ferma, mantenendo il calore generato.

La manopola di regolazione è leggermente rigida e bisogna fare un po’ di forza per girarla, ma niente di preoccupante. La forma cilindrica del termoriscaldatore ingombra poco spazio e grazie alle ventose incluse nel kit, l’installazione del dispositivo risulterà pratica e veloce.

Il modello può essere utilizzato sia in acqua dolce e sia in acqua marina, inoltre è adatto anche ad aquaculture, terrari e sistemi idroponici.

 

Pro

Preciso: Grazie al regolatore a manopola presente sul termostato, potrete impostare il livello di temperatura desiderato in maniera precisa e accurata.

Arresto automatico: Il riscaldatore è dotato di un indicatore luminoso che segnala quando il dispositivo è in funzione. Una volta raggiunta la temperatura prestabilita, sia l’indicatore e sia l’apparecchio si spengono automaticamente.

Sicuro: Il corpo del riscaldatore è infrangibile, antideflagrante e resistente alle perdite di elettricità, così i pesci potranno vivere in un acquario sicuro.

 

Contro

Manopola: La manopola per la regolazione della temperatura è leggermente rigida e si fatica un po’ a muoverla. Pertanto dovete fare attenzione quando impostate il livello di riscaldamento.

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments