Ultimo aggiornamento: 04.08.20

 

Lettiere autopulenti – Opinioni, Analisi e Guida all’Acquisto

 

Mantenere pulita la lettiera, e di conseguenza anche la casa, non è sempre facile quando si ha a che fare con gatti che fanno poco caso a dove disperdono la sabbietta. Ecco che viene in aiuto il modello autopulente, in grado di ridurre l’intervento del padrone e anche di rendere più facile la vita di tutti i giorni. Quale modello è quello più adatto per voi? Date un’occhiata alla nostra classifica in basso: se non avete il tempo di leggerla, ecco una piccola anteprima. PetSafe PAL19-14656 Lettiera Autopulente Scoopfree Ultra è un modello automatico con un rastrello che si attiva quando il gatto non è nella lettiera, assicurandone quindi l’incolumità. Catit 50685 Smartsift Toilette per Gatti Autopulente ha invece una leva, che potrete azionare tutte le volte che sarà necessario, per non rischiare di fare male al micio.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 5 migliori lettiere autopulenti – Classifica 2020

 

Qui potete fare una comparazione delle lettiere che hanno colpito la nostra attenzione: date uno sguardo alle loro caratteristiche e ai prezzi, per individuare l’offerta più appetibile tra quelle vendute online.

 

 

1. PetSafe PAL19-14656 Lettiera Autopulente Scoopfree Ultra

 

Tra le migliori lettiere autopulenti del 2020 non possiamo che inserire quella di PetSafe, tra le più vendute anche perché tra le poche a essere fornita di garanzia, di ben due anni dall’acquisto. Si tratta di un modello dotato di rastrello con sensori, che avverte la presenza del gatto, per cui non si attiva quando è all’interno per fare i bisogni.

Potrete invece programmare voi la sua azione, dopo cinque, dieci o 20 minuti dal passaggio del micio. Gli escrementi e l’urina vengono così raccolti nella lettiera posta nel cassetto in basso, che è in cristallo blu e che neutralizza gli odori, per cui non deve essere sostituita immediatamente. 

Per questa ragione, potrete aspettare che si riempia prima di eliminarla e porne una nuova: il costo delle ricariche è però abbastanza alto, come anche quello della lettiera, per cui non si tratta di un articolo a prezzi bassi.

 

Pro

Garanzia: Si tratta di uno dei modelli che possono contare sulla garanzia, di ben due anni, per cui sarete protetti da eventuali malfunzionamenti.

Sicura: Il rastrello non si attiva quando il gatto è nella lettiera, grazie al sensore che assicura l’incolumità del micio.

Lettiera: Quella qui presente neutralizza gli odori, quindi non sarete costretti a sostituirla subito.

 

Contro

Costo: Quello della lettiera e delle ricariche è molto alto, perciò non è un articolo da consigliare a chi ha un budget limitato.

Acquista su Amazon.it (€137,31)

 

 

 

2. Catit 50685 Smartsift Toilette per Gatti Autopulente

 

Quella di Catit è una lettiera dotata di una leva che vi permette di azionarla quando il gatto ha fatto i suoi bisogni e avete bisogno di rinfrescare la sabbietta: niente di più sicuro per il micio, che non rischierà così di essere inglobato in un meccanismo di pulizia pericoloso.

Gli escrementi vengono depositati sul fondo, dove è presente un cestino rivestito da una fodera, con un apposito cassetto che si apre e che consente di pulire la lettiera con facilità. Grazie al filtro in carbone gli odori non verranno diffusi nella stanza, ma resteranno all’interno del prodotto. 

L’ingresso è abbastanza grande da poter ospitare gatti di tutte le taglie ma, in ogni caso, la porticina può essere rimossa garantendo comodità anche a quelli più in carne. Realizzata in plastica robusta, è comoda da usare e non deve essere necessariamente svuotata ogni giorno: molto dipende dal tipo di sabbia che viene utilizzato.

Il costo non è dei più economici e bisogna fare attenzione alle dimensioni, che sono abbastanza ingombranti se non si ha lo spazio adatto in casa. 

 

Pro

Leva: Grazie a questo elemento potrete rinfrescare la lettiera quando lo ritenete necessario, senza sottoporre il micio a un sistema che potrebbe essere pericoloso.

Cestino: Posto sul fondo, è facile da svuotare grazie al cassetto che si rimuove e che permette di eliminare gli escrementi.

Filtro: Quello in carbone permette di trattenere i cattivi odori, per cui non sarete costretti a cambiare la lettiera tutti i giorni.

 

Contro

Dimensioni: Quelle di questo modello sono abbastanza ingombranti se non si ha a disposizione una stanza abbastanza grande per ospitarlo.

Acquista su Amazon.it (€80)

 

 

 

3. PeeWee Toilette per Gatti EcoHus Lettiera Chiuso per Gatti

 

Quella di PeeWee è una delle migliori lettiere autopulenti per chi è alla ricerca di un prodotto facile da usare e che impieghi il pellet al posto della classica sabbietta. Dotata di un doppio fondo, fa in modo che l’urina, mista al materiale di raccolta, cada nella parte inferiore e resti qui fino a quando non viene eliminata.

I rifiuti solidi invece devono essere rimossi manualmente, tramite una palettina, dalla cassetta interna, così che sia possibile eliminare tutto il pellet una volta alla settimana e non di più. 

Disponibile in tre diverse combinazioni di colori, ha un costo abbastanza contenuto, anche perché include un sacco da 3 kg di pellet, che quindi non dovrete acquistare separatamente. Le sue dimensioni sono anche abbastanza contenute, ma ciò che pecca sono in realtà i materiali, considerati da molti utenti poco resistenti, quindi è bene fare attenzione quando lo si smonta per pulirlo. 

 

Pro

Doppia cassettina: Questa lettiera ha una cassetta esterna e una interna, così da eliminare il rischio di diffondere gli odori in casa.

Pellet: Questo è il materiale utilizzato per rimuovere i rifiuti e avrete un sacco da 3 kg in omaggio quando acquistate il prodotto.

Colori: Ce ne sono diversi a disposizione, tra i quali scegliere quello più indicato per il vostro ambiente.

 

Contro

Materiali: Quelli usati per questa lettiera non appaiono resistenti, per cui si deve prestare molta attenzione quando la si smonta per effettuare una pulizia approfondita.

Acquista su Amazon.it (€44,5)

 

 

 

4. Stefanplast Furba Top Chic 97898 Toilette Chiusa per Gatti

 

Se non avete ancora idea di quale lettiera autopulente comprare ma siete intenzionati ad acquistare un oggetto nuovo e poco costoso, quella di Stefanplast appare essere una soluzione vincente proprio sotto questo punto di vista.

La spesa da affrontare infatti non è alta e il prodotto ha una struttura che ne rende molto semplice l’uso: si compone infatti di due vasche e di un setaccio, così da separare lo sporco dal resto della lettiera senza dover ricorrere necessariamente alla classica paletta.

Dotata di una porticina trasparente, non sempre arriva nella colorazione indicata nelle foto, quindi potrebbe esservi recapitato un modello blu e grigio. È inoltre necessario prestare attenzione quando la si vuole pulire, perché i ganci laterali sono abbastanza fragili e potrebbero rompersi.

La maniglia in cima, invece, rende semplice trasportarla quando opportuno o spostarla per comodità.

 

Pro

Rapporto qualità/prezzo: La spesa da affrontare è piccola rispetto a un modello dalle buone qualità, che può essere usato per non affaticarsi a pulire la lettiera tutti i giorni.

Composizione: Il prodotto è costituito da due vaschette e un setaccio, che permettono di eliminare facilmente i residui di scorie e quindi di mantenere pulita la sabbietta per il micio.

Maniglia: Posta in alto, consente di trasportare la lettiera dove si vuole senza fatica.

 

Contro

Materiale: Quello usato non è dei più resistenti, infatti è necessario prestare molta attenzione quando si aprono i ganci laterali per la pulizia completa, in quanto potrebbero rompersi.

Acquista su Amazon.it (€49,99)

 

 

 

5. PetSafe Deluxe Lettiera per Gatti Sistema Autopulente

 

Questo modello di PetSafe è pensato per tutti i mici che hanno difficoltà a entrare in un modello al chiuso, per cui risolvono i dubbi di chi non sa come scegliere una buona lettiera autopulente che non crei problemi al proprio gatto.

Si tratta infatti di una versione aperta, caratterizzata da una griglia, posta nella parte superiore, che cattura tutti i pezzi di sabbia e li rimanda all’interno, per evitare che si spargano sul pavimento. La lettiera in cristallo non solo assorbe bene l’urina e quindi gli odori ma può contare anche su un tappetino che ingloba ciò che non viene recuperato.

Dovrete cambiarlo almeno una volta al mese, per evitare che si sparga un olezzo poco piacevole. Anche se il prezzo ha incontrato i pareri positivi degli utenti, tuttavia c’è chi non è soddisfatto se ha più di un gatto in casa, in quanto, in questo caso, gli odori non vengono ben coperti dai cristalli ed è necessario cambiarla più spesso.

Se invece ne avete solo uno, cliccate sul link in basso per sapere dove acquistare.

 

Pro

Griglia: Questa parte ha la funzione di catturare tutti i granuli rimasti nelle zampe del gatto, evitando che si spargano sul pavimento.

Tappetino: Posto nella parte inferiore, aiuta a raccogliere ancora di più il cattivo odore causato dall’urina, e deve essere cambiato almeno una volta al mese.

 

Contro

Per un solo gatto: Nel caso in cui abbiate più mici, l’effetto dei cristalli diminuisce e quindi devono essere cambiati più spesso per assicurare pulizia e assenza di cattivi odori.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare una lettiera autopulente

 

Se avete un gatto in casa e non disponete di molto tempo per igienizzare regolarmente la sua vaschetta dei bisogni, acquistare una lettiera autopulente potrebbe rivelarsi la migliore soluzione.

Questo prodotto generalmente è più costoso rispetto alla vaschette tradizionali, poiché è dotato di un dispositivo meccanico o elettronico (a seconda del modello), che è in grado di pulire in maniera automatica o semiautomatica la sabbia del micio.

In tal modo si evita la diffusione di cattivi odori nell’ambiente e il felino è felice perché può usufruire sempre di una sabbiolina pulita. Vediamo insieme quali sono i criteri per scegliere bene un una lettiera autopulente, che sia capace di soddisfare le vostre esigenze.

Meccanismi di pulizia

 I modelli di lettiera autopulente presenti sul mercato sono tanti e possono essere caratterizzati da sistemi diversi di pulizia. In realtà le categorie principali sono due: lettiere autopulenti semiautomatiche e automatiche.

Le prime, per svolgere correttamente la loro funzione necessitano dell’intervento manuale da parte dell’uomo, mentre le seconde sono dotate di dispositivi elettronici, che attivano un sistema di igienizzazione automatica della sabbia. Ovviamente in questo caso è necessario l’ausilio dell’elettricità per avviare la funzione.

Da un punto di vista di costi, i prezzi dei modelli elettronici sono più cari, proprio per la complessità dei dispositivi, che risultano più sofisticati. Queste vaschette sono programmate per effettuare la pulizia della sabbietta in totale autonomia.

Infatti l’intervento dell’uomo è richiesto soltanto occasionalmente, per svuotare il cassetto di stoccaggio delle deiezioni dell’animale, quando questo si riempie. In pratica se dovete assentarvi per qualche giorno, queste si puliranno da sole e potrete stare tranquilli. 

Di contro, si tratta di dispositivi che consumano energia sia in elettricità e sia in batterie. D’altronde il rovescio della medaglia è che se si desidera un maggiore comfort, bisogna spendere qualcosina in più.

Per ciò che concerne le lettiere autopulenti semiautomatiche, queste richiedono più impegno rispetto alle loro “cugine” automatizzate, perché per rimuovere le deiezioni del felino dalla sabbietta, occorre che una mano umana attivi un’apposita leva. 

In pratica, se dovete partire e lasciare Micio a casa, avrete bisogno di qualcuno che passi quotidianamente da voi per tirare la leva della lettiera. Tuttavia, pur trattandosi di vaschette semiautomatiche, si rivelano molto efficienti e il loro prezzo di mercato non è eccessivo.

 

Le dimensioni della lettiera

Un’altra cosa da non sottovalutare prima di acquistare una lettiera autopulente per Micio, è scegliere la vaschetta delle dimensioni adatte alla taglia del felino. Il contenitore non dovrà essere né troppo piccolo né troppo grande, infatti gli esperti suggeriscono di optare per delle vasche che misurano una volta e mezza la lunghezza del corpo dell’animale.

Se lo spazio in casa è poco, potreste scegliere un modello a forma triangolare, che può sfruttare gli angoli delle stanze e adattarsi ovunque. Le dimensioni della lettiera devono essere grandi abbastanza da permettere a Micio di accedere comodamente alla vasca e di sotterrare facilmente urina e feci.

Ovviamente per consentire un accesso pratico alla sabbietta, il contenitore non deve avere le sponde troppo alte, specialmente se avete un gatto cucciolo o un gatto anziano. Dei bordi eccessivamente alti creerebbero non pochi problemi al quadrupede e col passare del tempo lo porterebbero a rifiutare la lettiera.

Con o senza copertura

Una volta che avrete stabilito di quali dimensioni e di che tipologia dovrà essere la lettiera autopulente per il vostro gatto, non dimenticate di valutare anche se questa dovrà essere dotata di copertura oppure no. Infatti, sul mercato è possibile trovare sia vaschette munite di coperchio, con sportellino d’accesso e sia contenitori completamente scoperti.

Prima di acquistare uno dei due modelli, è bene capire quali sono i pro e i contro di entrambi i prodotti. Una lettiera coperta è ideale per i gatti che amano la privacy, specialmente quando vogliono espletare i loro bisogni lontano da occhi indiscreti. 

La copertura inoltre è in grado di intrappolare i cattivi odori all’interno del contenitore, evitando che si diffondano per l’ambiente. Un altro aspetto interessante di una lettiera autopulente coperta consiste nel fatto che la sabbiolina non fuoriesce dalla vaschetta.

Di contro, questi modelli occupano più spazio e potrebbero non essere apprezzati da tutti i felini, specialmente da quelli che vogliono tenere sotto controllo il territorio circostante mentre fanno i bisognini. L’altra nota dolente è il prezzo, che risulta più alto rispetto a quello di un modello scoperto.

Se intendete optare per una vasca aperta, fate molta attenzione al tipo di lettiera che utilizzerete, in quanto dovrà assorbire bene gli odori sgradevoli. Ovviamente tale scelta comporterà anche un impegno maggiore nella pulizia dei pavimenti.

 

 

 

Come utilizzare la lettiera autopulente

 

Una lettiera autopulente è molto utile per chi passa tanto tempo fuori casa e non ha molto tempo da dedicare alla pulizia della vaschetta del micio. Questa infatti, grazie a un sistema automatico o semiautomatico, consente al contenitore di pulirsi da solo, eliminando velocemente le deiezioni del felino.

Ricordate che l’igiene è importantissima per i gatti, in quanto questi sono animali molto schizzinosi che amano stare nel pulito, toilette compresa.

Questione di abitudine

Considerando che i gatti sono degli animali abbastanza esigenti, che amano tenere sotto controllo il loro territorio, molti dei cambiamenti che avvengono all’interno di questo, potrebbero urtare la loro spiccata sensibilità. 

Pertanto, una lettiera autopulente, che improvvisamente modifica l’aspetto di un ambiente privato come la toilette, potrebbe infastidire non poco i felini, che per natura monitorano ogni minima variazione all’interno dei loro spazi.

Fatta questa premessa, è possibile che all’inizio il micio non accetti di buon grado la lettiera autopulente, per timore che il dispositivo si attivi senza che lui possa prevederlo. Se ciò dovesse accadere, non dovete fare altro che abituare il vostro amico a quattro zampe alla cosa e invogliarlo a utilizzare la sua nuova toilette tecnologica, senza forzarlo ovviamente.

È probabile che col passare del tempo, il micio si divertirà anche nel vedere i vari componenti che si muovono mentre puliscono la sabbietta. Un’indagine di mercato ha constatato che la maggior parte dei gatti, dopo avere acquisito confidenza con la lettiera autopulente, finisce con l’abituarsi al sistema di pulizia meccanico della vaschetta.

 

Micio si rifiuta di utilizzare la lettiera autopulente

Se il gatto non vuole usare la lettiera autopulente, i motivi di tale rifiuto potrebbero essere diversi. Tra le varie motivazioni, il felino potrebbe non gradire il tipo di sabbiolina presente nella vasca; in tal caso cambiate subito marca o tipologia, facendo attenzione ai materiali presenti nella composizione del prodotto.

Un’altra motivazione potrebbe essere la vaschetta poco pulita. Se la lettiera è piena di deiezioni ed emana odori sgradevoli, non vi aspettate che il felino la utilizzi. Ricordate sempre che i gatti sono animali estremamente puliti e schizzinosi. In questo caso provvedete a igienizzare a fondo la vasca. 

Vi suggeriamo di utilizzare del sapone, del detersivo per piatti o della candeggina (evitate l’ammoniaca). Un’altra ipotesi potrebbe essere che la vaschetta è troppo piccola, pertanto a Micio risulta scomoda da utilizzare. 

Ricordate anche che se avete più gatti in casa, questi potrebbero non amare condividere la stessa lettiera, pertanto dovrete provvedere all’acquisto di lettiere in numero sufficiente per tutti i felini.

Cercate di riempire il contenitore con il giusto quantitativo di sabbietta, Micio potrebbe non apprezzare la scarsità di materiale. Inoltre posizionate la lettiera in un posto appartato e a lui gradito, questo perché si tratta di un animale che ama la sua privacy.

Come insegnare al gatto a usare la lettiera

I gatti sono animali molto intelligenti e non hanno grosse difficoltà nell’apprendere cose nuove. Per insegnare a un micetto a usare la lettiera, basta metterlo all’interno della vasca e invitarlo a smuovere la sabbiolina con le zampette.

Se lo sorprendete a fare i suoi bisogni fuori dalla lettiera, prendetelo e riponetelo subito all’interno del contenitore; presto l’animale capirà che la lettiera è il posto destinato a raccogliere le sue deiezioni.

Ricordate che i gatti sono quadrupedi abitudinari e i cambiamenti possono destabilizzarli. Se il vostro felino in precedenza utilizzava una lettiera tradizionale e poi gli presentate un modello autopulente, non allarmatevi se non si avvicina subito alla nuova vaschetta, è solo questione di tempo. 

Tuttavia, qualora non dovesse abituarsi, sarete costretti a riutilizzare una lettiera tradizionale.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come funziona la lettiera autopulente per gatti?

Il sistema di pulizia di una lettiera autopulente per gatti, può variare a seconda del modello che decidete di acquistare. Sul mercato esiste una vasta gamma di vaschette dotate sia di apparato di pulizia automatico e sia di sistema meccanico semiautomatico.

La differenza sostanziale consiste proprio nel funzionamento delle due tipologie di lettiere. Un modello automatico solitamente prevede un tipo di attivazione elettronica degli strumenti che rastrellano la sabbietta e che rimuovono le deiezioni del gatto dalla vaschetta. 

Queste vengono trasportate in un vano di raccolta rifiuti e sigillate ermeticamente in modo da non fare fuoriuscire odori sgradevoli dal contenitore. Si tratta di dispositivi che funzionano a corrente elettrica o a batteria; per questo motivo sono più sofisticati e di conseguenza si presentano in commercio con un prezzo più elevato.

Una lettiera autopulente semiautomatica invece prevede un sistema di pulizia meccanico, che deve essere attivato manualmente dall’uomo. Di solito il meccanismo viene innescato da una leva o da un apposito pedale.

Anche in questo caso le deiezioni vengono letteralmente rastrellate dalla sabbietta e trasportate in una camera di raccolta dei rifiuti. Il costo di questi modelli è più economico rispetto a quello delle lettiere automatiche e il livello di efficienza non ha nulla da invidiare a queste ultime.

Dove va a finire la sabbietta sporca della lettiera autopulente?

I modelli di lettiera autopulente presenti in commercio sono tanti e diversi ma di base il sistema di raccolta delle deiezioni del felino è simile per quasi tutti i dispositivi. 

In pratica gli escrementi solidi e gli agglomerati di sabbietta contenenti urina, vengono trasferiti dalla vaschetta in un sacchetto di stoccaggio dei rifiuti, che a sua volta viene chiuso ermeticamente, per non fare fuoriuscire i cattivi odori.

Una volta che il vano degli scarti si riempie, bisogna provvedere manualmente a svuotarlo, rimuovendo il sacchetto pieno dalla lettiera e rimpiazzandolo con uno nuovo. Chiaramente nello specifico, tale operazione può variare tecnicamente a seconda del modello scelto.

 

La lettiera autopulente deve essere igienizzata periodicamente?

La risposta a questa domanda è: “Assolutamente sì!”. Nonostante si tratti di un dispositivo automatico o semiautomatico che pulisce autonomamente le deiezioni del gatto, non significa che non richieda interventi di manutenzione straordinaria.

Infatti, anche se escrementi e urina vengono rimossi meccanicamente dalla sabbietta, col passare del tempo, nella vasca possono rimanere attaccati dei residui alle pareti e sul fondo del contenitore.

Se non si provvede periodicamente a igienizzare a accuratamente la lettiera, i batteri presenti in questi scarti potrebbero proliferare e diventare un serio pericolo per la salute di Micio e delle persone che vivono in casa.

Perciò, quando decidete di cambiare la sabbietta, vi suggeriamo di lavare e di disinfettare a fondo tutta la vaschetta, utilizzando dei prodotti che non siano tossici per l’animale e risciacquando per bene il tutto dopo il lavaggio. Della semplice candeggina andrà benissimo per effettuare tale operazione.

 

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments