Ultimo aggiornamento: 20.04.21

 

Il bassotto è un cane basso e lungo, con le zampe corte e la testa allungata. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere su questa affascinante razza e come prendersene cura.

 

Il bassotto tedesco è il cane più curioso e particolare che la natura e l’uomo siano mai riusciti a creare. Molti lo considerano uno gnomo a quattro zampe o forse un segugio se visto allo specchio deformante di un Luna Park. Ma una cosa è certa: quando se ne incontra uno è impossibile trattenere il sorriso! Lui però non si offende e con quelle zampe ridotte ai minimi termini incede come se il mondo gli appartenesse.

Nel suo sguardo c’è la fierezza di un cane che sa quello che vuole e non considera la bassa statura un handicap ma, anzi, un grandissimo pregio funzionale. E in effetti non ha tutti i torti, perché se non fosse un “tappo” non potrebbe svolgere così bene il suo lavoro di cacciatore.

I cuccioli di bassotto sono veramente piccoli nel senso più letterale del termine e il problema principale è quello di inciampare su di loro. Per fortuna è un cane incredibilmente robusto e di ottima tempra, quindi un piccolo incidente di percorso – ovviamente involontario – non gli toglierà mai il buonumore né la voglia di tornare alla carica.

 

Origine del Bassotto

Dachshund è il nome originale di questo simpatico cane, infatti in tedesco “dach” significa tasso e “hund” cane, poiché in passato veniva usato proprio per la caccia al tasso. Per quanto riguarda le origini, si tratta di una razza già diffusa nel tardo Medioevo, periodo in cui venne incrociato con diversi cani segugio allo scopo di ottenere una variante con delle buone qualità per cacciare sotto terra.

Grazie alle sue peculiari caratteristiche, è l’unica specie appartenente al quarto macrogruppo delle razze canine riconosciute dalla FCI e si fa apprezzare, oltre che per le sue superbe abilità di cacciatore, anche per l’incredibile senso dell’olfatto e la capacità di seguire le piste.

Classificazione del cane bassotto

Sebbene esistano diverse tipologie di Bassotto che si differenziano a seconda del pelo e della taglia, la Federazione Cinofila Internazionale ne riconosce tre varietà specifiche in base alla stazza: Bassotto, Bassotto Nano e Bassotto Kaninchen per la caccia al coniglio. Vi sono, poi, tre varietà secondo il tipo di mantello: bassotto a pelo duro, a pelo corto e infine il bassotto a pelo lungo.

Quanto al colore, esistono esemplari che hanno un manto monocromatico che spazia dal rosso al giallo e altre varianti dal manto bicolore che include il nero o il marrone con macchie fulve, ma nello standard di razza sono ammessi anche soggetti arlecchino o di tipo tigrato.

 

Bassotto: carattere e apprendimento

I bassotti sono cani molto giocherelloni e socievoli, oltre a essere estremamente protettivi nei confronti dei membri della propria famiglia, con cui creano un forte legame. Sebbene abbiamo un’intelligenza che rientra nella media, sono cani molto attenti e curiosi che riescono a imparare velocemente ciò che gli viene insegnato.

Per stabilire una relazione gratificante con un cucciolo di Bassotto è, quindi, necessario iniziare il suo addestramenti prima che si instaurino cattivi comportamenti che, a causa della rinomata testardaggine della razza, potrebbero risultare difficili da gestire in seguito.

Inoltre, si tratta di un cane da tana molto tenace ed è disposto a vedersela muso a muso con avversari agguerriti che spesso sono assai più grossi. In pratica, non aspettatevi in lui un animale tranquillo da parcheggiare sui cuscini per cani, perché per quanto possiate addestrarlo correrà e salterà sempre avanti e indietro raggiungendo velocità impensabili per un salsicciotto simile, e quando non vorrà fare qualcosa, per esempio andare al guinzaglio, resisterà con ogni mezzo possibile.

In compenso, quando vuole una cosa fa l’impossibile per raggiungerla, anche con le moine e gli occhioni dolci che gli riescono particolarmente bene, tanto che è quasi impossibile resistergli!

 

Come curare e gestire un bassotto

La cura del pelo del Bassotto varia a seconda del tipo di mantello. La variante a pelo corto necessita di essere spazzolata almeno quattro volte al mese con un pettine di gomma, mentre per gli esemplari a pelo lungo e duro si dovrà procedere con due o tre cardate la settimana per prevenire la formazione di nodi e rimuovere lo sporco.

Anche se si adatta facilmente alla vita in appartamento, è una razza che ha bisogno di una moderata attività fisica per mantenersi in forma: sono sufficienti tre passeggiate moderate al giorno, mentre i giochi di intelligenza e gli esercizi per sviluppare le capacità fisiche lo aiuteranno a sentirsi stimolato e amato da parte dei proprietari. Ricordate, inoltre, che se resta solo a lungo o si annoia potrebbe distruggere i mobili o scavare buche in giardino, quindi non è un cane consigliato a quelle persone che passano la maggior parte del tempo fuori di casa.

Problemi di salute, benessere e prezzo

A causa della sua morfologia molto allungata, il bassotto è soggetto a lesioni alla colonna vertebrale e soprattutto ai dischi intervertebrali. Inoltre, dal momento che la lussazione della rotula e la paralisi delle zampe posteriori sono più frequente in questa razza che in altre, è fondamentale evitare che il proprio cane faccia movimenti bruschi e sia in sovrappeso.

Al pari della altre specie canine, si raccomanda di rispettare il calendario delle vaccinazioni e dei trattamenti antiparassitari, oltre a effettuare delle visite periodiche presso il veterinario, in modo da prevenire e riconoscere in tempo qualsiasi malattia. A ogni modo, l’aspettativa di vita della razza è piuttosto alta e va da 14 a 17 anni. Per quanto riguarda l’acquisto di un cucciolo, va inoltre aggiunto che il prezzo del bassotto tradizionale può discostarsi molto dal prezzo del bassotto nano, che può arrivare anche a 1.200 euro.

Ricordate, inoltre, che la mancanza di esercizio fisico porta inevitabilmente a un suo aumento di peso, cosa che potrebbe nuoce moltissimo alla salute del cane. Inoltre, può diventare nevrotico e mordace se accumula stress ed energie senza avere modo di sfogarla. Insomma,  si tratta di un cane dai mille volti che nel giro di pochi secondi può trasformarsi da Dottor Jekyll a Mister Hyde e viceversa. Tuttavia, in un mondo fatto di orgoglio, umorismo, coraggio e amore riesce a donarci quell’atmosfera fatata e surreale che credevamo di aver perduto.

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments