Ultimo aggiornamento: 20.04.21

 

Il Leonberger è una razza canina gigante a dir poco peculiare. In questo articolo affronteremo una serie di argomenti nel dettaglio in modo da poter scoprire se questo peloso di taglia “maxi” fa per voi.

 

Storia della razza

Il Leonberger non ha una storia antichissima. La razza fu costituita nell’Ottocento per onorare la città di Leonberg (da cui appunto il nome) che aveva un’importanza storico-strategica per l’Impero Austro-Ungarico. Infatti, l’imperatrice Elisabetta d’Austria – la famosa Sissi – si innamorò immensamente di questo cane gigante, arrivandone a possedere addirittura sette.

Infetti, si pensa che questi grossi cagnoni fossero stati selezionati per diventare principalmente cani da compagnia. Inoltre, personaggi illustri come Garibaldi, Bismarck e Wagner ne hanno posseduto uno, a dimostrazione che il cane Leonberger è un gigante peloso davvero speciale. 

 

Un cane dalle mille attitudini

Il Leonberger è un ottimo cane da guardia, nuota come un delfino e riesce bene anche in molti sport solitamente indicati a cani meno imponenti. Il suo motto è: molti amici – molto onore! È un cane che va d’accordo sia con le persone sia con altri animali, ma data la stazza è chiaro che necessita dei suoi “grandi” spazi. Sicuramente, questa razza non può essere considerata da difesa: anche se sembra il cane più grande del mondo è troppo pacioccone per svolgere questo compito, soprattutto per via del carattere estremamente docile e per nulla mordace. 

A chi non lo conosce a fondo potrebbe sembrare solo un immenso peluche dalla faccia simpatica che mangia uno sproposito e in cambio offre solo un po’ di compagnia, la stessa che si potrebbe avere da razze più piccole e meno impegnative. Una prima impressione quanto mai azzeccata! Il Leonberger non è certo un killer: la sua è più che altro una funzione di deterrente e quando non si trova nel suo ambiente è affettuoso anche con gli estranei. Insomma, se sbucate da un bosco e vi viene incontro un branco di questi cagnoni potete state tranquilli, vi faranno le feste!

Quindi l’aggressività non è assolutamente una prerogativa di questo cane gigante e molti lo scelgono proprio per questo motivo: è un compagno estremamente affettuoso, che si può portare in giro senza problemi e si distingue per il suo innato amore nei confronti dei bambini.

Attenzione però: quando si tratta di difendere il territorio la musica cambia, perché – se messi alle strette – alcuni soggetti sono pronti a difendere con molta decisione ciò che gli appartiene.

A dispetto delle apparenze, i Leonberger adorano sguazzare, nuotare e riportare oggetti lanciati in acqua, anzi proprio in virtù di queste attitudini innate, alcuni esemplari vengono addestrati come cani da soccorso con ottimi risultati. Da qui sembra, dunque, evidente come il Leonberger non abbia nulla da invidiare al suo cugino Terranova in quanto a coraggio, obbedienza e potenza fisica, tanto è vero che viene spesso impiegato per il salvataggio a terra e in acqua

Un cane duttile e facilmente addestrabile come questo può fare veramente di tutto, certo non sarà la razza più veloce al mondo e non potrà competere con un Border Collie o un Malinois, ma se non vi interessano le medaglie e il vostro scopo è divertirvi con il vostro cane, nulla vi vieta di dedicarvi all’agility con lui.

 

Cura e alimentazione del Leonberger

Sebbene il Leonberger abbia un pelo molto lungo e folto, non richiede toelettature complicate: va semplicemente spazzolato una volta la settimana, insistendo soprattutto a livello delle coulotte e delle orecchie che tendono ad accumulare più nodi. Vista la stazza, è chiaro che chi decide di acquistarlo deve necessariamente possedere un giardino o comunque uno spazio esterno abbastanza ampio dove possa correre e giocare agevolmente.

Inoltre, ci si dovrà assumere l’impegno di fargli fare una regolare attività fisica, soprattutto nel periodo della crescita, per mantenere una massa muscolare robusta che possa sorreggerne il peso durante i primi mesi di vita, visto che crescono davvero a dismisura.

Come tutte le razze giganti hanno bisogno di un’alimentazione completa e proteica che gli fornisca almeno il 50% di proteine animali (carne, uova, formaggi e pesce), oltre a vitamine, carboidrati e fibre. Eventualmente si può integrare la dieta con dei condroprotettori – meglio se di origine naturale – per proteggere le articolazioni e rinforzare la muscolatura.

 

Morfologia della razza

Il Leonberger rientra tra i cani più grandi del mondo e può raggiungere da adulto un’altezza al garrese di 73-74 cm nelle femmine e 76-77 cm nel maschio, ma ci sono esemplari che possono arrivare anche agli 80 cm. Pertanto, tenete conto delle sue dimensioni mastodontiche quando dovrete acquistare accessori a lui dedicati, a cominciare da un cuscino per cani della misura adeguata e una cuccia abbastanza grande, anche se – vista la mole – sarebbe meglio un recinto o un kannel.

La testa, come tutte le razze molossoidi, deve essere grossa e imponente ma ben proporzionata rispetto al corpo. Originariamente considerato un animale da utilità, è un cane molto possente e muscoloso, ma con evidenti sprazzi di eleganza nel portamento. Si distingue per le sue proporzioni molto equilibrate e il controllo della sua indole, considerata molto vivace.

Le orecchie sono caratterizzate da un’attaccatura abbastanza alta e mai troppo distanziate nella parte posteriore, mentre il corpo – specialmente nei maschi – presenta un garrese marcato e un dorso solido, largo e dritto. La coda è riccamente pelosa: in stazione ricade dritta, incurvandosi solo quando il cane è in movimento. I colori del mantello spaziano dal giallo leone, fulvo rosso, sabbia, rosso bruno, color crema e ogni gradazione di queste tonalità, mentre la maschera è generalmente nera.

Quali sono i problemi di salute che può avere il Leonberger?

Come tutti i cani di taglia gigante, purtroppo, occorre prestare particolare attenzione sia alle scelte alimentari sia alla selezione dell’allevamento dove acquistare l’esemplare, perché se ci si affida alla prima persona che propone un Leonberger cucciolo a un prezzo vantaggioso, si corre il rischio di comprare un cane di cui non se ne conosce bene la genealogia. Nella fattispecie, è importante accertarsi che i cuccioli provengano da riproduttori esenti da displasia dell’anca e del gomito. Un’altra patologia di razza riconosciuta è la polineuropatia familiare, una malformazione degenerativa che può colpire la massa muscolare e determinare gravissime difficoltà di deambulazione.

Infine, bisogna considerare anche che si tratta di una cane abbastanza dispendioso in termini di mantenimento e alimentazione, visto che la sua grossa mole lo spinge a mangiare voracemente ingenti quantità di cibo al giorno, non riuscendo in certi casi nemmeno ad aspettare che il padrone finisca di riempire la ciotola.

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments