Le razze dei cani da guardia indicate per i bambini

Ultimo aggiornamento: 14.04.24

 

Se state cercando un valido cane da guardia, ma volete che sia adatto anche ai vostri figli, date uno sguardo alle razze che abbiamo esaminato 

 

Quando si parla di cani da guardia si tende ad associare questi animali all’aggressività, per cui è possibile non desiderarne uno quando si hanno in casa bambini, che si ha paura di mettere in pericolo.

Ciò non è vero, in quanto i cani non costituiscono un problema in casi del genere, visto che molto dipende da come vengono allevati, trattati ed educati di fronte alla minaccia.

 

Cane da guardia: cosa significa?

Se vivete in una villetta isolata o in una zona che ritenete non molto sicura e non volete affidarvi solo a un allarme, non sarà necessario optare per dei grossi cani da guardia: non è infatti la stazza ma l’educazione a fare di questo animale il vostro angelo custode.

Lo scopo è quello di essere avvisati quando un malintenzionato entra in casa, per cui è preferibile non relegare il cane in giardino, in quanto potrebbe riconoscere come avverso anche il vicino di casa, chi consegna i pacchi, il postino e tutti coloro che vengono a farvi visita.

Il cane infatti deve sentirsi parte della zona nella quale non deve entrare l’estraneo, quindi è meglio tenerlo in casa, a contatto con la famiglia che è anche la sua. Fondamentale inoltre l’addestramento sin da cuccioli, in quanto l’animale deve socializzare con tutti, umani e altri simili, in modo che non sia aggressivo, ma un cane dolce di base.

L’unico modo in cui deve avvisare che qualcuno sta travalicando il confine è con l’abbaiare: se volete avere in casa uno dei cani da difesa migliori, è proprio questo il trucco per non incorrere in aggressività ingiustificata.

 

Quali sono le razze di cani da guardia?

L’organo che riconosce come tali i cani da guardia è l’FCI; tuttavia esistono anche i cosiddetti “cani da guardiania”, ovvero animali che possono espletare questa funzione, pur non rientrando ufficialmente in questa categoria.

Quelli riconosciuti sono i seguenti: il mastino napoletano, il cane corso, il fila brasileiro, il dogue de bordeaux, lo schnauzer medio, il mastiff, il bullmastiff e il tibetan mastiff, oltre ad alcune razze canine pressoché sconosciute nel nostro paese, ovvero il cane dell’atlas, il rafeiro do alentejo, il broholmer e il ca de bou.

Ci sono poi quelli che, dicevamo, pur non essendo riconosciuti ufficialmente come tali, sono migliori cani da guardia rispetto ad altri: in primis il pastore tedesco, poi quello russo, il maremmano abruzzese, il dogo argentino e il ciobanesc românesc de bucovina.

I cani da guardia per i bambini

Arriviamo dunque al punto: quali sono quelle che vanno bene se abbiamo in casa bambini piccoli? Corriamo e corrono dei pericoli? Bisogna prima di tutto tenere il mente che l’esemplare ideale è quello che è molto propenso a essere addestrato, ha un grande senso del territorio e, soprattutto, anche se fosse il cane più forte del mondo, è socievole.

Andando nello specifico, vediamo insieme quali razze sono caratterizzate da questi attributi.

 

Il terranova

Tra le razze di cani grandi rientra il terranova, originario del Canada e, per l’esattezza, dell’omonima isola. Ha un aspetto imponente e muscoloso ed è caratterizzato da diversi colori di pelo: nero, bianco a macchie nere o marrone.

La testa e le zampe sono grandi e il pelo è impermeabile e molto folto, per cui questo animale ha bisogno di continui spazzolamenti e di cure speciali. Una sua caratteristica sono le zampe palmate, tanto che il terranova è anche soprannominato “cane bagnino”, visto che non solo può agilmente salvare chi è in pericolo in acqua, ma lo fa con chiunque.

Si tratta infatti di un animale docile, soprattutto con i bambini: se vorrete tenerlo in casa e usare anche un cancelletto per cani, non avrete difficoltà con un esemplare simile.

Il bovaro del bernese

Un animale dal pelo lungo e caratterizzato da tre colori, quello che, parlando di gatti, sarebbe da definire “calico”. Si tratta di un esemplare molto robusto, dal fisico armonico, uno dei cani di media taglia molto agile e che richiede non poche cure.

Ha una storia che pare risalga addirittura agli antichi romani ed è spesso soprannominato “cane babysitter”, proprio per il suo carattere affabile, che lo rende perfetto per stare a contatto con i bambini.

 

L’alano

Non ci avreste scommesso, vero? Se pensate a cani di grossa taglia, immaginate subito l’alano e spesso questa associazione va a braccetto con l’aggressività: non vorreste trovarvi in un angolo soli con un animale del genere o con un rottweiler arrabbiato!

Invece è proprio tutto il contrario: l’alano è un animale che, a dispetto della sua mole, è molto docile: può essere di diversi colori, come nero, blu, arlecchino, fulvo o tigrato. Intelligente e molto affettuoso, deve essere però addestrato, visto che potrebbe non capire di essere abbastanza “imponente” e quindi saltare addosso alle persone, senza sapere che potrebbe far loro male.

L’akita inu

Se anche voi vi siete commossi vedendo il film Hachiko, sapete di cosa stiamo parlando: si tratta infatti di un cane molto fedele al padrone, dal carattere dolce e affabile, per cui ideale a contatto con i bambini. 

Tuttavia deve essere educato, in quanto è molto diffidente con gli estranei anche se non abbaia sovente. A differenza di altri suoi simili, però, non socializza con altri cani ma preferisce gli esseri umani. 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI